FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, Salvini: "Non mando mia figlia a scuola con la mascherina" 

I manifestanti al ministero dellʼIstruzione con lo striscione "Azzolina bocciata". Il segretario leghista: "Ministro inadeguato. Il governo mette la scuola in fondo alle priorità. Dovremmo fare come lʼEuropa"

matteo salvini, corteo, centrodestra, roma

"Io mia figlia di 7 anni a scuola a settembre in un'aula buia, con la mascherina, non ce la mando". Lo ha affermato Matteo Salvini nel corso di una manifestazione davanti al ministero dell'Istruzione. "In tutta Europa i bambini stanno andando a scuola senza distanza, senza mascherina, con la maestra. Perché qui in Italia no?", ha aggiunto. 

"Sulla scuola nessuna certezza" - Il leader della Lega ha poi voluto chiarire: "Sono qui da genitore e non da senatore. C'è un ministro non in grado di gestire la situazione, non c'è certezza per i presidi, i genitori, i sindaci e i nostri figli: non si sa quando si riparte, dove e come si riparte, chi mette la mascherina, chi mette il plexiglas. Chi paga non si sa, chi sanifica nemmeno. Un governo che mette la scuola in fondo a tutto non fa il bene del Paese". 

 

Striscione: "Azzolina bocciata" - Salvini ha pubblicato su Facebook la foto del sit-in del Carroccio in viale Trastevere, in cui si vedono i manifestanti con uno striscione con la scritta "Azzolina bocciata", e ha commentato: "Davanti alla sede del ministero per portare la voce di studenti, insegnanti, presidi, sindaci e genitori di fronte al DISASTRO di un ministro totalmente inadeguato e di un governo che mette la scuola in fondo all'ordine delle priorità". 

 

striscione, manifestazione lega

 

"La scuola non è un carcere" - Il capo della Lega ha poi voluto sottolineare che "la scuola non è un carcere" e ha spiegato: "Cosa faremmo noi al posto loro? Copieremmo dall'Europa, dove al momento i bambini sono in classe con le maestre e senza plexiglas. Questo ministro è inviso a buona parte della maggioranza: lo cambiassero, perché è una sciagura".

 

Salvini: "Non posso autoinvitarmi a Palazzo Chigi" - Il leader del Carroccio ha poi affrontato il tema del confronto con la maggioranza spiegando: "Dicono che ci vogliono ascoltare? A parte che stiamo aspettando da giorni una telefonata che non c'è, non possiamo autoinvitarci a Palazzo Chigi. Noi siamo pronti e i prossimi decreti, per quel che ci riguarda, devono mettere al centro il lavoro, la salute, la sicurezza e la scuola. Il governo è fermo su tutto. Se non decidono subito su Autostrade, Ilva, Alitalia, la Grecia verrà a fare acquisti in Italia. Io questa fine non la voglio fare". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali