FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, il ministro della Salute verifica una possibile estensione del Tso per i soggetti che rifiutano il ricovero

Roberto Speranza ha dato mandato allʼufficio legislativo del dicastero di verificare il quadro normativo sui trattamenti sanitari obbligatori

roberto speranza

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha dato mandato all'ufficio legislativo del suo dicastero per verificare il quadro normativo sui trattamenti sanitari obbligatori. L'obiettivo è quello di studiare una eventuale norma più stringente che riguarda la tutela contro il Covid dopo il caso del focolaio veneto. La verifica tecnica servirà anche di supporto alle eventuali scelte in questo senso delle autorità locali.

Il primo a parlarne era stato Luca Zaia A mettere al centro dell'agenda politica la possibilità di fare un Tso per i soggetti positivi al coronavirus che rifiutano il ricovero era stato il governatore veneto Luca Zaia, dopo il caso dell'imprenditore vicentino, rientrato da un viaggio di lavoro in Serbia, che constatata la positività al coronavirus ha rifiutato il ricovero in ospedale scegliendo di tornare a casa in isolamento, seguendo le procedure sanitarie previste dal protocollo. La possibile stretta del governo potrebbe però creare una forte discussione in merito alla costituzionalità delle restrizioni che si vorrebbero adottare. Intanto cresce il numero dei sindaci che chiede un inasprimento delle norme per chi potrebbe creare pericoli.

 

Il sindaco di Codogno: "Tso per chi crea pericoli" Anche il sindaco di Codogno Francesco Passerini ha avallato la proposta di Zaia qualche giorno fa affermando: "Dovrebbe essere considerato reato. Dopo tutto quello che è successo, se uno consapevolmente va in giro positivo, forse il Tso è l'unica soluzione, perché crea un pericolo esponenziale per sé e per gli altri. Nessuno vuole pensare di tornare al periodo drammatico che abbiamo vissuto".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali