FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Carige, Di Maio: "Governo pubblicherà la lista di tutti i debitori" | "Se troveremo i soliti noti, puniremo i banchieri"

Secondo il vicepremier il futuro dellʼistituto sarà "statale" e annuncia una commissione dʼinchiesta guidata da Paragone

Carige, Di Maio: "Governo pubblicherà la lista di tutti i debitori" | "Se troveremo i soliti noti, puniremo i banchieri"

"Nei prossimi giorni pubblicheremo l'elenco dei debitori di Carige". Lo ha annunciato in un video su Facebook il vicepremier Luigi Di Maio aggiungendo: "Se troveremo persone che hanno difficoltà a pagare neanche ve lo diremo il nome. Ma se troveremo i soliti noti, i soliti soggetti che hanno avuto favori dalle banche in questi anni non solo ve lo comunicheremo ma la faremo pagare a tutti quei banchieri che in questi anni hanno ridotto così quella banca".

Di Maio: "Carige pubblica sarà banca d'investimento dello Stato" - "Se lo Stato dovesse ricapitalizzare Carige lo farà per diventarne il proprietario. O si nazionalizza o non si mette in euro". Lo ha detto su Facebook il vicepremier e ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio. E in caso di nazionalizzazione "la cominciamo a usare per dare crediti alle imprese in difficoltà, alle piccole e medie imprese, per migliorare i mutui alle famiglie, per aiutare di più i giovani a diventare indipendenti, ad andare via di casa grazie a una banca che comincia a fare la banca d'investimento dello Stato".

Commissione d'inchiesta con Paragone presidente - l vicepremier richiama poi a una "nuova commissione d'inchiesta" sulle banche che dovrebbe partire entro fine gennaio. "Immaginatela - dice in un video su Facebook - non con Casini presidente, come la scorsa, ma con Gianluigi Paragone presidente". Per Di Maio "il primo a dover essere audito dovrà essere "Banca d'Italia" che è "l'altro ente" che "doveva sorvegliare" sulle banche. "Io non do tutte le colpe a Banca d'Italia - sottolinea il vice premier - perché ci sono le regole europee. Bene cambieremo anche quelle", precisa sottolineando che "dovremo lavorare come Governo molto di più per cambiare le regole della sorveglianza della Bce e quindi di Banca d'Italia sulle banche italiane. Ma vogliamo - conclude - accertare le responsabilità anche di Banca d'Italia".

"Anche sulle banche per quanto mi riguarda con tutte le azioni che porteremo a casa quest'anno faremo in modo che d'ora in poi nessun banchiere più possa essere impunito e nessun risparmiatore più possa avere la preoccupazione di dove ha messo i soldi". Così il vicepremier Luigi Di Maio ribadisce che "le banche dello stato possono esistere, possiamo aiutare le famiglie e dobbiamo punire fortemente quei banchieri che anche nel caso Carige hanno ridotto così la banca".

"I piccoli debitori restituiscono sempre i soldi, i grandi no" - "Quando stavano fallendo le banche, tra cui anche Mps, c'era De Benedetti che non aveva dato decine di milioni indietro dei mutui che aveva chiesto a Mps perché se li faceva dare in quanto De Benedetti amico del Pd?" afferma Di Maio. "Bene - aggiunge il vicepremier - noi adesso vogliamo sapere chi sono i De Benedetti di Carige e vogliamo vedere se ci sono delle coincidenze o dei legami politici o personali con gli amministratori delegati di questi anni perché chiederemo al commissario di promuovere l'azione di responsabilità" verso i manager che hanno prodotto un buco di bilancio. "E' dimostrato - afferma Di Maio - che nei fallimenti delle banche chi restituisce sempre sono le persone che chiedono piccoli prestiti, sono i grandi prestiti che non vengono onorati. Andiamo a vedere nei prossimi giorni l'elenco di quelli che dovevano dare soldi a Carige e non li hanno dati e l'elenco degli amministratori delegati e dei componenti del cda e degli azionisti e facciamo qualche controllo. Vediamo che cosa c'è".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali