FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Autonomia, Matteo Salvini avverte Luigi Di Maio: "O si fa o blocco tutto"

Lʼaut aut nel vertice notturno con il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il vicepremier pentastellato, che però puntualizza: "Ok alla riforma ma non sia uno spacca-Italia"

Autonomia, Matteo Salvini avverte Luigi Di Maio: "O si fa o blocco tutto"

"O l'Autonomia si fa o blocco tutto". E' l'aut aut di Matteo Salvini al suo alleato di governo Luigi Di Maio nel vertice notturno a Palazzo Chigi in cui i due vicepremier insieme al presidente del Consiglio hanno parlato di "codice degli appalti, semplificazione, sbloccare le opere pubbliche e i cantieri, corsia veloce all'Autonomia". Le divergenze nascono sui contenuti, per Di Maio infatti "la riforma sulle Regioni non deve essere uno spacca-Italia".

Per il ministro dell'Interno è arrivato il momento di accelerare e chiudere i dossier sul tavolo da troppo tempo. "Ho dato la mia parola e il governo non cade ma il M5s continui a lavorare", aveva detto mercoledì il leader della Lega. C'è un solo fattore - spiegano i leghisti a Montecitorio - in grado di far saltare il patto di governo tra Lega e M5s: il malcontento che sale dai territori.  Ecco perché il vicepremier prova a imprimere un'accelerazione. Sulle Autonomie, incontrando i presidenti di Lombardia e Veneto si proverà ad accelerare le richieste delle regioni del Sud, ma senza bloccare l'iter già avanzato al Nord.

Il nodo Tav - Salvini prova a imprimere un'accelerazione anche sulla Tav, su cui il titolare del Viminale ha la sponda di Tria, ma non quella di Di Maio che è contrario. Il ministro dell'Economia sarà venerdì a Parigi per un bilaterale con il suo omologo Bruno Le Maire, al quale è difficile che possa portare una linea di governo. Ma a metà marzo la società Telt deciderà se sbloccare i bandi sulla Tav e per allora, concordano M5s e Lega, il governo dovrà prendere una posizione. La linea del rinvio a dopo le europee, sposata in un primo momento, sembra non reggere più. Un vertice di governo sul tema si terrà entro la prossima settimana. E se dal M5s fanno sapere di non aver cambiato idea sul No, i leghisti sono ottimisti che la pressione dei territori (in Piemonte si vota a maggio) faccia virare il Movimento sul Sì a una "mini Tav".

Di Maio: "No a uno spacca-Italia" - Sulla Autonomia, Di Maio ha chiarito: "Noi la sosteniamo, basta che non sia uno spacca-Italia". "All'ottimo ministro Stefani lo abbiamo detto chiaramente: permetteremo alle Regioni che lo chiedono di poter gestire alcuni servizi. Ma il percorso non sarà breve", ha affermato in un'intervista a La Repubblica. "Ci sarà una pre-intesa approvata in Cdm dopo un vaglio politico mio, di Salvini e di Conte - ha spiegato -. Poi il presidente inizierà una trattativa con i governatori di Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna. Infine si andrà in Parlamento e lì i presidenti delle Camere decideranno se sarà emendabile o no il testo delle intese".

Fraccaro: "Autonomia importante, si migliora il Paese" - A sostenere la linea di Salvini sull'autonomia interviene il ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro, che afferma: "Sulle autonomie si parla e si trova l'accordo, va fatto bene, è una riforma importante, un giorno in più o in meno non fa la differenza. Cambia qualcosa se riusciremo a fare una proposta anche per quelle Regioni che ancora non hanno chiesto le competenze. Non penso che si spacchi l'Italia, l'autonomia può migliorare il nostro Paese".

Stefani: "Autonomia è nel contratto, andiamo avanti" - "Io so che questo governo si basa su un contratto, e le autonomie sono in quel contratto", ha detto dal canto suo il ministro Erika Stefani che, intervistata dal Corriere della Sera, ha ribadito che "il nostro obiettivo" è chiudere con Veneto, Lombardia ed Emilia-Romagna prima delle Europee. Stefani è soddisfatta dell'accelerazione di Salvini: "Certo il vedere il vicepremier che parla di momento storico dà una grande carica dopo tanto lavoro", ha affermato il ministro.

Ipotesi alleanza in Europa, il no di Di Maio - All'ipotesi lanciata da Salvini di un'alleanza anche in Europa, invece, Di Maio ha risposto: "Non andremo mai in un raggruppamento che, oltre a essere di destra, comprende partiti di Paesi che ci hanno fatto la guerra per inasprire l'austerity".

Sulla Tav il vicepremier pentastellato non si sbilancia: "E' noto che ci sono posizioni diverse. Non ne parlo più fino a quando non si trova un'intesa", ha ribadito.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali