FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ancora bloccata in Senato la legge sulle "vittime del dovere"

Il testo mira a equiparare le morti di pubblici ufficiali in servizio a quelle delle vittime del terrorismo. Corbetta (M5s): "Proposta ferma per pastoie burocratiche"

La vicenda dei tre pompieri morti nell'esplosione della cascina ad Alessandria e, ancor prima, quella degli agenti uccisi in questura a Trieste, ha riacceso il dibattito sulla questione dei morti durante lo svolgimento delle proprie funzioni.

Da tempo è in discussione in Parlamento una legge sulle cosiddette "vittime del dovere" che, in pratica, dovrebbe estendere a queste persone e ai loro famigliari le tutele previste per le vittime del terrorismo. In sostanza magistrati, esponenti delle forze dell'ordine e vigili del fuoco che abbiano riportato invalidità permanenti o siano morti nel corso delle loro attività di funzione pubblica, hanno diritto al pensionamento immediato con l'incremento riconosciuto ai colleghi che si sono sacrificati nel contrasto alla criminalità.

 

"Il provvedimento - ha spiegato Gian Marco Corbetta (M5s), primo firmatario della legge - è fermo per lungaggini burocratiche nei meandri del Senato. Anche alla luce dei fatti di Alessandria e Trieste, ho chiesto l'immediata calendarizzazione del progetto. È un atto di giustizia nei confronti delle vittime che non può più aspettare".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali