FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Alta tensione Conte-Renzi: "Vedremo se si può andare avanti" | E su Chigi aleggia l'ombra di Draghi

In caso di rottura totale la crisi, tuttavia, non sarà immediata. La legge di bilancio verrà messa in cassaforte e poi, da gennaio in avanti, ogni giorno potrebbe essere buono per porre la parola fine

giuseppe conte
Ansa

"Un governo non può andare avanti senza la fiducia di tutte le forze politiche di maggioranza. Dobbiamo assumerci tutti le rispettive responsabilità, Italia Viva è una parte indispensabile di questo progetto politico". Lo ha detto il premier Giuseppe Conte in merito alla tenuta dell'esecutivo. "Con Renzi ci confronteremo e vedremo se ci sono le condizioni per andare avanti, io lo spero", ha aggiunto a "Accordi e Disaccordi".

Di certo il premier e il leader di Iv tornano a vedersi (giovedì alle 18) nel solco di una tensione che non accenna a scemare. E che vede, contestualmente, aumentare il pressing del Pd su alcuni nodi chiave e il nervosismo interno ai gruppi del M5s. Con un'ombra che, forse mai come in queste ore, aleggia su Palazzo Chigi: quella dell'ex numero della Bce Mario Draghi, che il presidente del Consiglio annuncia di volerlo sentire presto dopo il suo discorso al G30.

 

"Italia Viva è un compagno di viaggio. In questo momento sta sollevando dei problemi, sta rivendicando delle petizioni politiche, è importantissimo ritrovare chiarezza di intenti, condivisione di obiettivi e soprattutto grande visione. Ci confronteremo nel merito e vediamo se ci sono le condizioni per andare avanti più forti di prima", dice in una intervista tv il premier avvertendo che la task force per il Recovery Plan ce la chiede l'Europa, anche se si può migliorare.

 

 

Poi l'apertura ad un eventuale rimpasto: "Se ci sono richieste è giusto ascoltarle". Infine una battuta: è una gara a lasciare le poltrone, una volta la si faceva per occuparle. Il leader di Iv metterà invece sul tavolo del premier il documento redatto con la corposa summa di proposte per i prossimi mesi. Si va dal Mes sanitario alle riforme costituzionali fino, ovviamente, alla richiesta di una netta marcia indietro di Palazzo Chigi sulla cabina di regia per il Recovery così come era sta pensata qualche giorno fa.

 

In Italia Viva, spiegano fonti renziane, si può arrivare al massimo ad accettare una struttura di missione molto snella e senza alcun accenno a poteri in deroga. "Andremo giù duri sul merito, il rimpasto non è più la questione. O rinuncia alle sue proposte con evidenza pubblica o per noi si chiude", è l'ultimo grido di battaglia che arriva da fonti Iv.

 

In caso di rottura totale la crisi, tuttavia, non sarà immediata. La legge di bilancio verrà messa in cassaforte e poi, da gennaio in avanti, ogni giorno potrebbe essere buono per porre la parola fine. Nei corridoi dei Palazzi c'è chi scommette sulla mancata tenuta del gruppo di Iv, c'è chi prevede l'apporto dei responsabili (dall'Udc a Cambiamo!) e c'è chi individua il momento della crisi un po' più in là, a ridosso della primavera.

 

In pochi però parlano del ritorno immediato alle urne, avallando così la tesi renziana. E Matteo Salvini, alla presentazione del libro di Vespa, sposa la strategia di Giancarlo Giorgetti, che al Corsera parla di un centrodestra non pronto a governare ed evoca l'arrivo di Draghi. "Se non ci sono le elezioni l'alternativa è un governo di centrodestra, non un governo Salvini, ci sono persone fuori dalla politica che possono traghettare il Paese alle elezioni", spiega il leader della Lega trovando ancora una volta Giorgia Meloni su una sponda diversa: "Io non faccio governi con alleanze con Renzi o il Pd".

 

Ma davvero il M5s e il Pd accetterebbero una maggioranza di unità nazionale che, probabilmente, sarebbe poi chiamata ad eleggere il successore di Sergio Mattarella? Difficile, tanto che Andrea Orlando ribadisce come il Pd non voglia la crisi. Ma il pressing dei Dem aumenta. Sulla legge elettorale, sul Mes sanitario e anche sui servizi. "Sul dossier aprirei una riflessione, non per mancanza fiducia ma perché sappiamo bene che nello scenario politico internazionale è una delega gravosa di grandi responsabilita'", spiega il ministro degli Affari Ue, Enzo Amendola.

 

Intanto dal gruppo Pd avvertono: "Non ci siano fughe in avanti sulla cybersicurezza". Del resto, sul Recovery Plan e sui servizi anche nel M5s emerge più di un mugugno sui metodi di Conte. "Come si fa ad andare avanti cosi'? Sembra che il Parlamento non serva più a niente", sottolinea una deputata. A testimonianza del fatto che, Iv o non Iv, Conte dovrà rivedere la sua strategia, non solo sulla task force del Recovery.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali