FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Clooney sommerso, allagata la villa di George e Amal in Inghilterra

La piena del Tamigi ha danneggiato il parco della dimora della coppia

Il campo da tennis è completamente allagato, e così anche l'ampio giardino e la veranda. Il parco intorno alla villa in Inghilterra di George e Amal Clooney è rimasto completamente sommerso dopo una piena del Tamigi, a seguito delle forti piogge. Non è la prima volta che la tenuta, che si trova su un isolotto sul fiume, riporta danni ingenti dopo una inondazione: era già successo nel 2016.

George Clooney e Amal, cenetta romantica a Roma

 

LEGGI ANCHE > C'era una volta un sex symbol, guarda come è cambiato Clooney

La villa del XVII secolo a Sonning, nel Berkshire, è stata acquistata da George e Amal nel 2014 per 7,5 milioni di sterline. Prima del trasferimento definitivo hanno ristrutturato la dimora, investendo una somma di denaro considerevole per realizzare due piscine (una all'aperto e una al chiuso), il campo da tennis e il cinema privato. La proprietà si estende su quattro acri ed è circondata da alberi e ampi giardini che consentono alla coppia molta privacy. Ma non abbastanza, visto che solo un mese fa erano state avanzate le richieste per il permesso di innalzare le barriere per mettersi al riparo da occhi indiscreti. 

 

Potrebbe interessarti:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali