FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Ambra Angiolini e l'affitto conteso, la moglie di Pazzini: non vuole liberare casa, la porto in tribunale

L'event planner Silvia Slitti ha raccontato su Instagram che l'attrice non avrebbe intenzione di lasciare l'appartamento che le ha affittato a Milano dopo la scadenza del termine concordato

 ambra angiolini
Instagram

"Una nota canzone dice '...e se prometto poi mantengo...'.

Spesso le persone promettono ma non mantengono un ben niente". La nota canzone è "T'appartengo", la cantante che "promette e non mantiene" sarebbe

Ambra Angiolini

. A scrivere queste parole è

Silvia Slitti

, event planner e moglie dell'ex calciatore

Giampaolo Pazzini

, che in una serie di storie su Instagram accusa - pur senza fare mai esplicitamente il suo nome - l'attrice e presentatrice di non voler lasciare la sua casa. Secondo quanto racconta, Ambra sarebbe rimasta a vivere nell'appartamento milanese di proprietà della Slitti anche dopo la scadenza concordata e avrebbe ignorato i ripetuti solleciti a liberare l'immobile. L'organizzatrice di eventi vorrebbe la sua abitazione venisse liberata e si sarebbe trovata costretta, quindi, a

ricorrere alle vie legali

.


 


Silvia Slitti: "Impotente, demoralizzata, frustrata" -

Un lungo sfogo quello dell'event planner che si è detta "impotente, demoralizzata, frustrata" a causa della vicenda. La Slitti ha spiegato di essersi trasferita temporaneamente con il marito Pazzini in una località di mare alla fine del 2020. I due, avevano deciso, contestualmente, di affittare per dieci mesi la loro "amata casa a una persona che aveva bisogno di un favore". Una persona "nota al grande schermo, che vantava anni e anni di conduzione, cinema, musica, un passato illustre e una reputazione sempre difesa a spada tratta". Una persona di cui la coppia riteneva di potersi fidare. Eppure, "passati i 10 mesi concordati", - aggiunge la Slitti - quando lei e Pazzini volevano "tornare in possesso della loro casa, si sono ritrovati a 'scoprire' che quella casa non sarebbe mai stata liberata se non fino a quando, chi l'aveva abitata fino a quel momento, non avesse deciso di andarsene... come se fosse sua". 


Ambra Angiolini al mare provoca in bikini


Costretta a ricorrere alle vie legali -

Il racconto prosegue e l'event planner sostiene di avere cercato inizialmente un punto di incontro, spiegando ad Ambra di "voler semplicemente tornare in possesso di una cosa propria, anche perché ad abitarla non erano persone con problematiche fisiche o economiche da non potersene andare...". Tentativi che sarebbero andati a vuoto. "Un muro fatto di prese di posizione legali e di silenzi, di menefreghismo e mancanza di empatia". Il nervosismo cresce: "Non possiamo entrare in casa nostra e nel mentre vediamo questa persona manifestare serenità, gioia e sorrisi in tv. Destino bastardo". La coppia, quindi, decide di ricorrere alle vie legali. "Fino all'ultimo ho chiamato, scritto e cercato di risolverla gentilmente come chi mi conosce sa che faccio sempre... Ma adesso basta! Ho perso la pazienza", dice ancora Silvia Slitti che spiega come tra lei e Ambra ci fosse "un contratto scritto e firmato", ma che "soprattutto avevo la sua parola che per una come me valeva più di tutto". 


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali