FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Torino festeggia i 90 anni di Volvo

Il presente si chiama XC60 seconda generazione

Il Salone auto del Parco Valentino a Torino ha celebrato Volvo per i suoi 90 anni di storia. Passati tra alterne fortune, una nascita un poʼ casuale e gli ultimi anni sotto lʼegida dei nuovi padroni cinesi di Geely. Ma il fil rouge che tiene uniti questi 90 anni è la reputazione in fatto di automobili prodotte, sempre affidabili, robuste e ultra-sicure. Attestata pochi giorni fa anche dalla NHTSA, lʼEnte Usa per la sicurezza stradale.

90 anni da campione della sicurezza

Perché una cosa è certa e consolidata di questi 90 anni: la lunga storia di Volvo sʼintreccia con quella della sicurezza automobilistica. È a Volvo che dobbiamo le prime cinture di sicurezza, negli anni 50, e sempre da Goteborg arrivano le più geniali intuizioni sulla sicurezza degli ultimi anni. Una storia nata nel 1927 con la ÖV4, un modello con telaio in legno di frassino e faggio, motore 1.9 benzina e ruote con raggi in legno, per una carrozzeria sobria color blu scuro. Ne furono venduti soltanto 275 esemplari, ma tanti ne bastarono ad aprirgli i mercati nordeuropeo e americano.

Il fondatore di Volvo si chiamava Assar Gabrielsson e lavorava alla SKF, nota azienda svedese produttrice di cuscinetti a sfera in acciaio. Un settore che diventerà fornitore importante della nascente industria automobilistica, così lʼintraprendente Assar riuscì a convincere la SKF a investire in un’azienda automobilistica e da un’operazione di spin-off i questa nacque la AB Volvo. A distanza esatta di 90 anni ‒ 14 aprile 1927 la ÖV4 ‒ lo scorso 14 aprile è uscito dallo stabilimento di Torslanda il primo esemplare della nuova XC60, il Suv medio che è oggi anche il modello più venduto in casa Volvo.

La storia di Volvo ebbe successi straripanti negli anni 50 e 60, quando le sue vetture competevano con le migliori ammiraglie del mondo. Poi però vennero anni bui, e ancora si ricorda la sfortunata gestione Ford, che negli anni 90 aveva riunito i gruppi europei del lusso in una divisione, la PAG, con Jaguar e Land Rover. Andò male e così sono arrivati i cinesi di Geely, che oggi gestiscono marchio e produzione, riavviandone la ripresa. Sempre allʼinsegna dei modelli dʼalta gamma.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali