FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Parigi apre le porte del Salone Auto 2016

Apertura fino al 16 ottobre

Il Salone auto di Parigi 2016 ‒ il Mondial Auto come si chiama ‒ apre oggi agli operatori gli 8 padiglioni della Fiera alle Porte de Versailles, e da sabato primo ottobre fino a domenica 16 sarà aperto al pubblico. Un salone lunghissimo, a conti fatti sono 18 giorni di mega-esposizione sul prodotto auto, del presente e del futuro. Tgcom24 lo seguirà quotidianamente, cercando di darvi le notizie più importanti che arrivano dal settore delle quattro ruote.

Mondial Auto di Parigi 2016

Eppure qualcosa sta cambiando, a livello di strategia, nel mondo dei motori. Se i saloni diventano “fisicamente” sempre più grandi, allo stesso tempo il beneficio di promuovere lʼautomobile attraverso questi è più contenuto. E lo dimostrano le assenze del Mondial Auto 2016: marchi di lusso come Lamborghini, Rolls-Royce, Bentley e Aston Martin, ma anche generalisti come Ford, Volvo e Mazda. Un poʼ è colpa anche dellʼEuropa che perde colpi rispetto ad altri continenti, e così i saloni asiatici di Pechino e Bangkok crescono e catturano anteprime di prodotto prima riservate allʼEuropa, e la calda Los Angeles a novembre sta diventando il salone di riferimento per chi vuol presentare spider e cabriolet. La strategia impone anche scelte drastiche, come quella di Alfa Romeo di svelare il suo primo Suv proprio a Los Angeles.

I temi principali dellʼedizione 2016 del Mondial Auto parigino sono la digitalizzazione e lʼalimentazione elettrica. Le auto del futuro si annunciano ecologiche e iper-connesse, e grazie alla geolocalizzazione diffusa punteranno sulla guida autonoma. Volkswagen ha capito che il modo migliore di superare il dieselgate e salvare la reputazione (a proposito, si parla di accantonamenti per 10 miliardi di dollari per pagare le cause in Usa) è svoltare decisa verso lʼalimentazione elettrica. A Parigi presenta il prototipo I.D. che farà da base al milione di veicoli elettrici che intende produrre entro il 2022, e anche Audi esporrà un Suv elettrico che potrebbe chiamarsi Q6.

Le altre Case tedesche sono più avanti. Mercedes ha in cantiere una gamma di 5 vetture elettriche, più la nuova generazione di Smart Electric Drive. Opel lancia la seconda generazione di Ampera-e, la berlina elettrica che promette di fare fino a 400 km con una sola ricarica. La sua gemella Chevrolet Bolt EV è già stata presentata in Nord America, dove General Motors punta a guadagnare posizioni nella sfida a Toyota per il primato mondiale. BMW sullʼelettrico già commercializza due modelli ‒ i3 e i8 ‒ e amplierà presto anche lʼofferta di ibride, mentre Porsche porta a Parigi la nuova Panamera Hybrid.

E per il resto? Beh il mercato europeo fa ben sperare. Sono ormai tre anni che le vendite di auto fanno registrare segni più ogni mese, e per preservare il trend i costruttori puntano sui modelli di massa, accessibili, quelli che servono per rinnovare il parco auto di famiglia. Tra le novità principali la terza, tutta nuova, generazione di Citroen C3, la Suzuki Ignis, compatta che poco ha in comune col vecchio modello. Rinnovate anche la Panda col Model Year 2017 e la Nissan Micra, mentre di nuova generazione di deve parlare per Kia Rio. Lʼorario di apertura del Salone è dalle 10 alle 20, alle 22 il giovedì, venerdì e nellʼultimo weekend. Prezzo intero: 16 euro.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali