FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Muoversi al tempo del coronavirus con bici e monopattini

Il governo pensa a incentivi per comprare biciclette, ma i negozi non riaprono il 4 maggio

Uscire dal lockdown su due ruote

Le due ruote avranno un ruolo fondamentale nella Fase 2 dellʼemergenza coronavirus. Una mobilità sostenibile, la velocità ridotta delle automobili (a Milano 30 km/h) e il contenimento dei mezzi pubblici imporranno tempi lenti, quelli giusti per le biciclette ma anche per i monopattini.

Il governo sta pensando a incentivi sullʼacquisto di questi, 200 euro per bici ed ebike, ma anche monopattini, segway e altro. I negozi però che vendono e riparano biciclette restano chiusi, esclusi dalle riaperture previste dal 4 maggio. Un paradosso, al quale si aggiunge quello denunciato dagli imprenditori del comparto motocicli, che chiedono agevolazioni estese anche a ciclomotori e motociclette. Ma allora le biciclette servono o non servono alla ripartenza del Paese? E uno scooter o una moto non avrebbero lo stesso ruolo importante di assicurare il distanziamento e lʼagilità degli spostamenti richiesti?

 

Lʼintenzione dʼincentivare le due ruote è stato annunciato dalla ministra alle Infrastrutture e ai Trasporti Paola De Micheli, che ha indicato in 200 euro il beneficio pur senza specificare quanto sarebbero gli stanziamenti. Il piano è di lungo respiro, prevederebbe non soltanto sconti sul prezzo e benefici fiscali, ma anche lʼestensione delle piste ciclabili e delle zone a traffico limitato, riducendo gli attuali lacci burocratici dei Comuni. Ma per il presidente di Confindustria Ancma (i costruttori moto italiani) Paolo Magri non ha senso tener fuori le moto e i ciclomotori dagli incentivi.

 

“È unʼottima idea quella di prevedere agevolazioni per e-bike, bici e monopattini, ma il ritorno in strada dopo il lockdown sarà ragionevolmente contraddistinto da un nuovo protagonismo delle due ruote a tutto tondo ‒ dice Magri ‒ soprattutto nei grandi centri urbani. Per questo chiediamo che forme di incentivo allʼacquisto di carattere economico o fiscale siano previste anche per ciclomotori e moto”. Magri ha anche ricordato come nel Decreto Clima ci siano ancora 255 milioni di euro non utilizzati. Prevedono contributi fino a 1.500 euro per lʼacquisto di bici tradizionali ed elettriche, a fronte di una rottamazione di veicoli più inquinanti.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali