FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Laverda, passione italiana in scena a Novegro

Dal 14 al 16 febbraio la tradizionale mostra scambio di ricambi e moto storiche è dedicata alle mitiche Laverda

Novegro 2020, la leggenda Laverda

Arancioni, possenti, robuste e veloci… Le Laverda sono state motociclette che negli anni 80 hanno fatto battere il cuore a tanti di noi e ancora oggi sono belle da guardare e da guidare. Le vedremo a Novegro, dal 14 al 16 febbraio, nella tradizionale mostra scambio di ricambi e moto storiche.

Una storia, quella delle Laverda, che è iniziata nel cortile della villa della famiglia Mazzini nel centro di Breganze in Veneto. Qui all’ombra del campanile della chiesa, la famiglia Laverda produce da quasi un secolo macchine agricole finché Francesco, il capofamiglia nel dopoguerra, non si mette in testa un’idea strana: “Costruire un mezzo di trasporto utilitario, molto economico e affidabile”.

 

Una moto leggera, questo serviva per spostarsi e dar lavoro a tanta gente, per contribuire a ricostruire il paese. Così la prima Laverda è una 75 cc quattro tempi, che consente di andare in due e consuma come un ciclomotore a due tempi: 60 chilometri con un solo litro di benzina. Le prime consegne nel 1950, prezzo 164.810 lire, da lì è un attimo con le vittorie alla Milano- Taranto, nel Giro d’Italia e nelle corse in salita.

LʼItalian Style fin dal logo tricolore

La fabbrica cresce, si ingrandisce e arriva a 250 dipendenti, produce 30 moto al giorno, poi la crisi affrontata tentando altre strade: il ciclomotore quattro tempi del ’58, lo scooterino quattro tempi del ’60, il motorino del venduto anche in scatola di montaggio… Fino al rilancio nel 1967, dove per soddisfare le richieste sarà necessaria una nuova fabbrica. Sono gli anni della Laverda 750 prima e della 1000 e 1200 poi, maximoto costruite in migliaia di esemplari, che vincono sulle piste di gara e sono esportate in tutto il mondo, fino a diventare una leggenda del motociclismo, un pezzo della nostra storia che non possiamo dimenticare.

 

Gigi Sironi

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali