FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

FCA e PSA, sinergie a vantaggio di entrambe
 

Diciamo subito una cosa: lʼAlleanza tra Fiat Chrysler Automobiles e il gruppo PSA sarà unʼalleanza europea

Le auto Fiat a fine ciclo

Diciamo subito una cosa: lʼAlleanza tra Fiat Chrysler Automobiles e il gruppo PSA sarà unʼalleanza europea. Fondamentalmente europea. Il precedente peraltro già cʼè: lo stabilimento Sevel in Val di Sangro in Abruzzo produce da anni veicoli commerciali leggeri per i marchi Fiat, Citroen e Peugeot. In Nord America PSA è assente e lʼalleanza con FCA potrebbe far germogliare qualcosa di buono, visto che Chrysler va a gonfie vele oltre Atlantico.

È in Europa invece che il marchio Fiat ristagna, Lancia è destinato a sparire e i migliori prodotti italiani sono ormai dei marchi a sé, come Panda e 500. Lʼoccasione stavolta è nelle mani di FCA, che potrebbe contare su un partner che controlla tre delle più grandi firme europee ‒ Peugeot, Citroen e da qualche anno Opel ‒ ed è presente in tutti i segmenti di mercato. Iniziando dal segmento B, PSA sforna modelli fondamentali come Peugeot 208, Citroen C3 e Opel Corsa, mentre Fiat ha rinunciato a fare la Punto, 9 milioni di unità vendute dal 1993 e per tanti anni leader della categoria in Europa…

 

Anche il segmento A potrebbe interessare FCA, sebbene 500, Panda, Panda Cross e Panda 4x4 siano ancora sulla cresta dellʼonda. Il gruppo PSA ha però unʼofferta più variegata, produce la Peugeot 108 e la Citroen C1, ma anche la Opel Adam e la Karl Rocks. Sinergie certe si apriranno anche nel segmento C: Fiat oggi importa dalla Tofas turca la Tipo ma ha quote di mercato piuttosto risicate, mentre PSA è un colosso con la best-seller Opel Astra (5 porte e SW) e le francesi Peugeot 308 e Citroen C4. Questʼultima però è una gamma molto ampia e creativa, comprende il Suv C4 Cactus e i monovolume C4 e Grand C4. La “vecchia” 500L prodotta in Serbia non sembra invece tenere più il passo.

 

Le cugine PSA cui guardare

I Suv sono il grande vulnus di Fiat, eccezion fatta per Jeep che dovrebbe restare esclusa dalle alleanze. A Melfi infatti la 500X è costruita sul pianale della Renegade, ma poi non ci sono altri modelli. Tra i B-Suv invece Peugeot produce il 2008 leader europeo di categoria, Citroen la C3 Aircross e Opel i due modelli Mokka X (a fine ciclo) e Crossland X. Tra i C-Suv ecco Peugeot 3008 (altro leader di segmento) e Opel Grandland X. Fiat è assente anche tra le grandi station wagon, dove invece Peugeot sforna la 508 e Opel la Insignia, anche 4x4 Country Tourer. Uguale il discorso per i grandi Suv: Peugeot 5008 e Citroen C5 Aircross per i francesi, nulla per Fiat, ferma al Freemont importato dal Messico e derivato dal Dodge Journey.

 

Sui veicoli commerciali FCA e PSA hanno invece accordi di collaborazione durevoli. La Sevel in Val di Sangro ha un accordo valido fino al 2023 per produrre veicoli commerciali leggeri per i due gruppi: Fiat Ducato, Citroen Jumper e Peugeot Boxer. Lo scorso anno ha chiuso con 300 mila veicoli prodotti, 140 mila per PSA e 160 mila per Fiat. Attenzione però, Opel ha suoi stabilimenti in Polonia (a Gliwice) dove produce modelli analoghi e la situazione è da monitorare con precauzione.

 

Infine il capitolo elettriche, altra nota dolente di FCA. Peugeot ha già a listino da tempo la city car iOn e Citroen la gemella C-Zero e lʼoriginale e-Mehari, che reinterpreta la celebre cabriolet degli anni 70. A breve esordirà poi la Peugeot e-208, nuova di zecca, e lo stesso sistema propulsivo sarà adottato dalla Opel Corsa-e. Fiat è molto indietro, la Centoventi è ancora un concept, da PSA ci sarebbe tanto da guadagnare.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali