FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Eicma 77° edizione, le due ruote scoprono nuove idee

Lo slogan della kermesse è: Moto Rivoluzionario

Eicma, al via lʼedizione numero 77

La soddisfazione negli occhi di Andrea DellʼOrto, presidente di Eicma, spiega tutto il successo dellʼEsposizione internazionale del ciclo e del motociclo. A Milano, da giovedì 7 a domenica 10 novembre, si svolge la 77° edizione di Eicma e lʼevidenza sta tutta nei numeri: i brand presenti, tra costruttori e aziende dellʼindotto, accessori e abbigliamento inclusi, sono 1.800! La Fiera di Milano-Rho ha dovuto concedere due padiglioni in più questʼanno, ora sono otto.  

Insomma mai il settore delle due ruote aveva vissuto momenti migliori. Ma attenzione però, perché non è il mercato delle moto, degli scooter e delle biciclette che è esploso negli ultimi mesi. Gli incrementi ci sono, ma contano pochino, quel che dà verve al settore sono le nuove idee in fatto di mobilità, tipo gli e-scooter, le e-bike, ma anche gli hoverboard, i monowheels, i monopattini oggi sempre più elettrici che scorrazzano nelle nostre città. E qui subentra un altro fenomeno che dà linfa a questi settori: lo sharing. Cioè lʼuso a noleggio e in condivisione di un veicolo di cui non acquistiamo la proprietà. Diffuso tra le auto, sta ora prendendo piede anche tra le due ruote.

 

Tgcom24 seguirà compre sempre la kermesse milanese del ciclo e del motociclo, una delle più importanti al mondo. Domani e dopodomani i padiglioni saranno aperti agli operatori della stampa e agli addetti ai lavori, poi da giovedì lʼapertura al pubblico. Il prezzo è di 19 euro, ma ci sono anche i ridotti e venerdì le donne entrano gratis. Unʼedizione da record questa del 2019, in cui il 60% circa degli espositori proviene dallʼesterodice DellʼOrto ‒ e sempre in ascesa è anche la partecipazione dei media internazionali. Il made in Italy gioca però ancora un ruolo molto importante: lʼintera filiera nazionale legata alla due ruote è protagonista nel mondo per qualità, stile, sostenibilità e innovazione”.

 

Cosa vedremo? Come sempre ogni visitatore avrà il “suo” modello, la sua moto o bici da comprare o da sognare. Ce nʼè per tutti, ovviamente, anche per chi ama lo spettacolo e gli show dellʼarea esterna MotoLive. Con Ridemood ci saranno feste e spettacoli anche fuori dalla fiera, in tanti eventi organizzati tra città e area metropolitana di Milano. E ora le moto, partendo dal nostro debole per le superbike: Ducati Panigale V2 e V4 Panigale 2020 e le rivali Honda CBR1000RR e MV Agusta Brutale 1000 RR. Tra le supernaked sfida fra Panigale V4 Streetfighter e Kawasaki Z H2, ma attenzione alla nuova crossover sportiva BMW S 1000 XR. Favolosa anche la nuova KTM SuperDuke 1290 R.

 

Scendiamo di categoria per scoprire la Aprilia RS 660 in versione stradale definitiva, mentre Benelli gioca la carta del Leoncino 800 e quella più minimalista della Imperiale 400. Ancora teli coperti per Suzuki, che promette però molte novità nella tarda mattinata di martedì. Mentre Yamaha rinnova la Tracer 700 e si muove anche tra gli scooter col TMAX 560 2020 e il nuovo Tricity 300. Rivale di questo sarà il nuovo Kymco Agility 300, ma il principe degli scooter saranno i Quadro a quattro ruote Qooder e le sue varianti elettrica eQooder ed enduro XQooder.

 

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali