FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Variante Omicron, Sudafrica: "Più contagiosa, ma meno grave"

Il presidente dell'Istituto superiore di Sanità Brusaferro: "Epidemia in espansione". Ema-Ecdc sui vaccini: "Ok all'eterologa"

Milano, ecco i cani anti-Covid in grado di "fiutare" i positivi

Due pastori tedeschi addestrati a "fiutare" i pazienti affetti da Covid. E' Il risultato di una sperimentazione iniziata ad aprile e ancora in corso tra l’Università degli Studi di Milano, il centro cinofili  e l'ospedale Sacco. I due cani hanno iniziato fiutando garze impregnate di sudore, prelevato a persone affette da Covid-19 e a soggetti già risultati negativi al tampone molecolare. Contando sulle capacità olfattive degli animali addestrati nel distinguere gli odori, i due cani sono stati indotti a fiutare i pazienti infetti. L'addestramento si è svolto in un'area interna del Sacco, priva di possibili distrazioni e soprattutto esente da potenziali fonti di contaminazione olfattiva. Nel futuro, spiega la professoressa Maria Rita Gismondo, "è auspicabile immaginare non ovviamente una sostituzione agli strumenti che abbiamo, ma un ottimo aiuto e supporto alla sanità pubblica ovunque vi siano ingressi di masse di persone. E' la prima volta che si hanno questi risultati in Europa".

Leggi Tutto Leggi Meno

La variante Omicron del nuovo coronavirus potrebbe essere più contagiosa ma meno grave. Serviranno, però, ancora alcune settimane per un pronunciamento definitivo. I ricercatori del Medical Research Council del Sudafrica hanno pubblicato una prima parziale sintesi rilevando "l'assenza di un aumento significativo dei decessi ospedalieri in relazione al drammatico aumento del tasso di casi per la provincia di Gauteng nel suo insieme".

Brusaferro: "Epidemia in espansione"

In Italia l'epidemia è in espansione. A spiegarlo è il presidente dell'Istituto superiore di Sanità, Silvio Brusaferro: "Per quanto riguarda l'occupazione posti letto, abbiamo una crescita che aumenta di circa un punto percentuale a settimana a livello nazionale e continua crescere anche in terapia intensiva. Così come "un Rt intorno a 1,2, stasera o domani avremo dati più aggiornati ma quelli preliminari mostrano che ci manteniamo su questa tendenza, indica che siamo ancora in una situazione di crescita della circolazione", ha aggiunto. "Siamo ancora in situazione epidemica. I dati aggiornati a ieri sera mostrano che sta ancora aumentando in termini di numero di nuovi infetti, con un'incidenza di 173 casi su 100.000 persone" tra il 29 novembre e il 6 dicembre. E si tratta "di un andamento della circolazione che tocca alcune fasce più di altre, mostrando una forte corrispondenza con la popolazione non vaccinata".

 

Attualmente in Italia poi ci sono 11 sequenze di variante Omicron, "altre sono sospette, e colpiscono più Regioni", ha riferito Brusaferro. Un bilancio che si appesantisce con un altro caso individuato in Veneto e uno in Piemonte, portando a 13 i casi italiani. Sono stati registrati soprattutto in Campania, dove si è formato un cluster di 7 persone, uno in Calabria, uno in Sardegna, 2 in Veneto e uno nella Pa di Bolzano. "Riguardano casi di persone che avevano transitato in Sud Africa o loro contatti stretti", ha precisato il presidente dell'Iss. Il secondo caso di variante Omicron , annunciato dal presidente della Regione Luca Zaia, riguarda una donna di 77 anni, residente a Padova che è stata sottoposta a terapia monoclonale. La prima variante era stata sequenziata il 3 dicembre in un 40enne vicentino, tornato dal Sudafrica. La moglie e uno dei figli invece, erano stati contagiati dalla variante Delta, contratti probabilmente in altre occasioni. Un altro sequenziamento è in corso sulla figlia più piccola della coppia.

 

I dati dal Sudafrica

Tutti sono in buone condizioni di salute. I primi dati in arrivo dal Sudafrica sono in parte rassicuranti e confermano quanto già emerso nei giorni scorsi. La nuova versione del virus Covid, sarebbe infatti più contagiosa ma meno grave. Ma serviranno ancora alcune settimane, secondo i ricercatori del Medical Research Council del Sudafrica, per avere ulteriori conferme. 

 

Vaccini, Ema-Ecdc: "Ok all'eterologa" Lancia l'allerta sulle festività l'Agenzia europea per la prevenzione e il controllo delle malattie che senza mezzi termini definisce la situazione "molto grave" con "alti livelli di trasmissibilità" del Covid. Tanto che se non si farà qualcosa, spingendo le vaccinazioni e tornando ad adottare con rigore mascherine e distanziamento sociale, le cose potrebbero mettersi anche peggio con l'arrivo delle celebrazioni di fine anno, quando i contatti tra le persone aumenteranno. In ambito di vaccini, la stessa Ecdc e l'Ema hanno dato il via libera, attraverso una nota congiunta, all'approccio con mix di sieri "sia per il primo ciclo, sia per i richiami". Studi sulla vaccinazione eterologa, sostengono le due organizzazioni, "suggeriscono che la combinazione di vaccini con vettori virali e vaccini mRna produce buoni livelli di anticorpi contro il virus Covid 19 e una risposta delle cellule T più elevata".

 

Variante Omicron, ecco che cosʼè e da dove arriva

 

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali