FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Vaccini, von der Leyen boccia Biden: "Chi parla di deroga ai brevetti si impegni a esportare dosi"

La presidente della Commissione europea: "Bisogna investire nelle capacità produttive nei Paesi africani"

ursula von der leyen mascherina
Ansa

"Invitiamo quanti si impegnano nel dibattito della deroga temporanea dei brevetti dei vaccini a unirsi a noi e impegnarsi ad esportare una larga parte di quanto producono". Lo ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, rispondendo così alla richiesta degli Usa e ricordando che "l'Unione europea è l'unica regione democratica del mondo che esporta su larga scala".

"Sono circa 200 milioni di dosi che sono state esportate e circa 200 milioni di dosi distribuite agli europei", ha sottolineato von der Leyen rivolgendosi, anche se non esplicitamente, al presidente americano Joe Biden. "Credo che dovremmo essere aperti alla discussione" sulla deroga alla proprietà intellettuale. Ma quando usciremo di qui dovremo avere "una visione a 360 gradi su questo" argomento. "Abbiamo bisogno di vaccini ora. La deroga sulla proprietà intellettuale non risolverà problema. Quello che serve è una condivisione dei vaccini, l'export di dosi e investimenti per accrescere" la capacità produttiva. 

 

Su quest'ultimo punto, l'invito è a guardare anche ai Paesi più poveri. "Quando parlo di investimenti nelle capacità produttive sui vaccini - ha spiegato - non intendo solo in Europa, ma intendo anche lavorare con le compagnie farmaceutiche per investire ad esempio in capacità produttive nei Paesi africani". 

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali