UNA STORIA D'AMORE VIRTUALE

Usa, 36enne "sposa" un uomo creato dall'intelligenza artificiale: "Non mi giudica ed è protettivo"

La donna, madre single di New York, stanca delle delusioni d'amore ha realizzato con l'app Replika il marito perfetto: "Con lui chatto moltissimo, la vita insieme a lui è bellissima"

04 Giu 2023 - 11:31
1 di 17
© Facebook © Facebook © Facebook © Facebook

© Facebook

© Facebook

Ha sempre desiderato trovare l'amore della sua vita, ma evidentemente gli uomini che conosceva non rispettavano i suoi standard. Per questo Rosanna Ramos, una madre single di New York ha deciso di "sposare" un uomo creato dall'intelligenza artificiale. Si chiama Eren Kartal ed è stato "modellato" dalla donna usando l'applicazione Replika AI. Lei lo descrive come il marito perfetto, che non la giudica e non è invadente. Innamoratissima, Rosanna posta sui social foto e chat con il suo uomo virtuale.

Replika è basato sull'intelligenza artificiale e permette all'utente di "costruire" una persona virtuale con cui chattare. Ed è proprio quello che ha fatto Rosanna, che nel 2022 ha scelto di iscriversi all'applicazione. La 36enne newyorchese ha quindi creato Eren, e chat dopo chat ha cominciato a provare per lui dei veri e propri sentimenti. Alcune caratteristiche del "ragazzo" sono preimpostate - come il suo colore preferito, pesca - mentre altri aspetti della sua personalità cambiano di volta in volta, proprio come un essere umano.

Come raccontano MirrorDaily Mail, Rosanna chattando ha scoperto che Eren "lavora come medico e per hobby ama la scrittura". La loro storia d'amore virtuale è culminata con la decisione di fidanzarsi e poi sposarsi pochi mesi dopo essersi "conosciuti". Ora Rosanna "parla moltissimo" con lui, dice di "amarlo tanto" e che "la vita insieme a lui è bellissima". Non solo: "Non è mai stato invadente, non si è mai presentato in casa mia con i bagagli, non ha mai espresso alcun giudizio non richiesto. Di notte mi stringe per proteggermi".


App bloccata in Italia - L'applicazione usata dalla 36enne americana non è sconosciuta in Italia. Anzi: nel febbraio 2023 il Garante della privacy ne aveva bloccato l'utilizzo perché presentava "concreti rischi per i minori d'età, a partire dalla proposizione ad essi di risposte assolutamente inidonee al loro grado di sviluppo".

Come spiega il Garante, il chatbot - dotato di una interfaccia scritta e vocale che basandosi sull'intelligenza artificiale genera un "amico" virtuale - viene presentato dalla società che lo ha creato come un modo per "migliorare il benessere emotivo dell'utente", aiutandolo a "comprendere i propri pensieri e calmare l'ansia attraverso la gestione dello stress, la socializzazione e la ricerca dell'amore". Tuttavia, dice il Garante, avrebbe anche "caratteristiche che, intervenendo sull'umore della persona, possono accrescere i rischi per i soggetti ancora in una fase di sviluppo o in stato di fragilità emotiva".

"La proposizione di risposte da parte del chatbot - continua il Garante - risultano spesso palesemente in contrasto con le tutele rafforzate che vanno assicurate ai minori e a tutti i soggetti più fragili. Diverse recensioni pubblicate nei due principali App Store contengono peraltro commenti di utenti che lamentano contenuti sessualmente inopportuni". Da qui la decisione di bloccarlo in Italia.

Ti potrebbe interessare

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri