FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

TEMPO REALE

Ucraina-Russia, spiragli dopo negoziati | Kiev "rinuncia" alla Nato, non alla Ue | Putin "vuole" Mariupol

Ucraina pronta ad accettare lo status di neutralità, ma quello della Crimea "va deciso entro 15 anni". Cautela da Stati Uniti e Ue. A Mariupol la brigata Azov ferisce il capo dei ceceni di Putin. Borse europee ottimiste, Piazza Affari chiude in forte rialzo


Ucraina, via ai negoziati a Istanbul: c'è anche Abramovich

Con il conflitto russo-ucraino arrivato al trentaquattresimo giorno, spiragli di pace si profilano dopo i primi colloqui tra le delegazioni russa e ucraina a Istanbul, anche se restano ancora molti nodi da sciogliere.

Mosca evoca la possibilità di un trattato per far finire la guerra e dice di aver ricevuto proposte scritte da Kiev su denuclearizzazione e neutralità anche se poi parla di "cammino ancora lungo per la pace". Gli ucraini rinunciano all'idea di entrare nella Nato puntando solo all'ingresso nella Ue. Il capo negoziatore ucraino Podolyak ha affermato che lo status di

Crimea

e

Donbass

saranno oggetto di trattative ad hoc e propone intese separate su Crimea e Sebastopoli da "concludersi in 15 anni". Ma resta il nodo di

Mariupol

:

Putin

dice che i "nazionalisti devono deporre le armi".
  • 29 mar

    Zelensky: "Dai negoziati segnali positivi ma non ci fidiamo"

    Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha commentato su Telegram il primo giorno di negoziati in Turchia. "I segnali che arrivano dalla piattaforma negoziale possono essere definiti positivi - ha detto -. Naturalmente, vediamo tutti i rischi e non vediamo alcun motivo per fidarci delle parole di alcuni rappresentanti di uno Stato che continua a combattere per la nostra distruzione. Gli ucraini non sono persone ingenue. Gli ucraini hanno già capito, durante questi 34 giorni di invasione e negli ultimi otto anni di guerra nel Donbass, che ci si può fidare solo di un risultato concreto".

  • 29 mar

    Pentagono: forze russe in stallo a Nord e Sud

    Secondo il portavoce del Pentagono, John Kirby, le forze russe sono in stallo a nord e a sud dell'Ucraina. A parere del Pentagono Mosca ora starebbe dando priorità al Donbass.

  • 29 mar

    Biden: alleati europei d'accordo per aumento costi a Russia

    Nella telefonata tra Joe Biden e i dirigenti europei, i leader "hanno ribadito la loro determinazione a continuare ad aumentare i costi contro la Russia per il suo brutale attacco in Ucraina, come pure a continuare a fornire all'Ucraina assistenza militare per difendere se stessa contro un assalto ingiustificato e non provocato": lo rende noto la Casa Bianca.

  • 29 mar

    Negoziati a Istanbul, le richieste di Kiev - VIDEO

  • 29 mar

    La Russia ritira alcune delle forze armate attorno a Kiev - VIDEO

  • 29 mar

    Ucraina, alleati occidentali: determinazione contro Mosca

    Linea della fermezza ribadita dai leader di Usa, Regno Unito, Francia, Germania e Italia nel video vertice tenuto oggi sull'Ucraina. Lo riferisce Downing Street, precisando che i 5 capi di Stato e di governo si sono impegnati, al di là dei progressi negoziali segnalati oggi fra le parti e degli annunci russi su un parziale ripiegamento delle sue forze, a non ridurre la "propria determinazione" sul fronte del sostegno a Kiev e delle sanzioni contro Mosca fino a quando "l'aggressione russa" non finirà.

  • 29 mar

    Putin a Macron: nazionalisti devono deporre armi a Mariupol

    I "nazionalisti" ucraini devono deporre le armi a Mariupol. Lo ha detto Vladimir Putin ad Emmanuel Macron nel colloquio telefonico sulla guerra in Ucraina. Lo riferisce il Cremlino.

  • 29 mar

    Russia: risponderemo a espulsione diplomatici da Europa

    La Russia risponderà all'espulsione dei suoi diplomatici dai Paesi Bassi e dal Belgio. Lo ha dichiarato il ministero degli Esteri di Mosca, citato da Interfax.

  • 29 mar

    Ucraina, brigata Azov: Geremeyev gravemente ferito a Mariupol

    Il comandante delle truppe cecene a Mariupol, Ruslan Geremeyev, vicino al leader ceceno Kadyrov e presunto organizzatore dell'assassinio del politico russo Boris Nemtsov, è stato gravemente ferito nella città assediata dai russi. E' quanto riporta su Telegram la brigata Azov, secondo quanto riferisce Ukrinform. "A Mariupol, dopo un assalto senza successo a una casa vuota incendiata, Ruslan Geremeyev è stato gravemente ferito", si legge nel post.

  • 29 mar

    Borsa, Piazza Affari chiude in netto rialzo, Ftse Mib +2,41%

    Piazza Affari conclude la seduta del martedi' in netto rialzo. Il Ftse Mib avanza del 2,41% a 25.307,98 punti.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali