FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

TEMPO REALE

Scholz ribadisce: "Non manderemo le nostre truppe in Ucraina" | Schlein: "Continuare a sostenere Kiev, ma no all'invio di truppe di terra"

Sanchez incontra il cancelliere tedesco per discutere sulla guerra. Kiev: uccisi 960 soldati russi nelle ultime 24 ore. La Russia testa con successo il missile nucleare intercontinentale Yars

Fotogallery - Il premier Giorgia Meloni a Kiev con von der Leyen

La guerra in Ucraina è giunta al giorno 738.

Il cancelliere Scholz dice no all'ipotesi ventilata da Macron nei giorni scorsi e ribadisce: "Non manderemo le nostre truppe in "Ucraina". Il Pentagono conferma che stanziare i fondi per il Paese invaso è "cruciale" perché "se Kiev perde, la Nato dovrà combattere contro la Russia". La Difesa americana valuta inoltre se attingere dalle sue scorte per fornire armi e munizioni all'Ucraina, dal momento che "non ha più fondi a disposizione".

  • 02 mar

    Ucraina: Schlein, continuare a sostenere Kiev, ma no invio truppe di terra

    "L'aggressione criminale della Russia contro l'Ucraina ha rimandato indietro lancette dell'orologio", ha detto la segretaria del Partito democratico, Elly Schlein, nel suo intervento a conclusione del Congresso del Partito sociale europeo (Pse), a Roma. "Continueremo a sostenere l'Ucraina con ogni mezzo necessario, ma Olaf (Scholz, ndr) ha ragione, questo non contempla l'invio di truppe di terra", ha chiarito.

  • 02 mar

    Scholz ribadisce: "Non manderemo le nostre truppe in Ucraina"

    "Abbiamo riaffermato che i nostri Paesi nella Nato non diventeranno parte diretta di questo conflitto, non manderemo truppe in Ucraina e faremo di tutto per impedire questo tipo di evoluzione". Lo ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz parlando al congresso del Partito socialista europeo a Roma. "La guerra in Ucraina tuttavia finirà il giorno in cui Putin ritirerà le sue truppe ma lo farà solo se capirà che non può più avanzare in Ucraina e per questo il nostro sostegno è fondamentale. Sono grato al fatto che molti leader europei abbiano rafforzato il nostro appello per evitare che l'Ucarina rimanga priva di munizioni", ha aggiunto. 

  • 02 mar

    Lavrov: nessuna proposta seria di pace alla Russia da Istanbul 2022

    La Russia non ha ricevuto alcuna proposta seria su colloqui di pace con l'Ucraina dall'incontro di Istanbul del 2022. Lo ha detto il ministro degli Esteri di Mosca, Sergei Lavrov, citato da Ria Novosti. "Non ci è stato rivolto alcun appello serio riguardo ai negoziati - ha osservato Lavrov -. Mi riferisco alle proposte che mirano davvero a garantire gli interessi legittimi delle parti coinvolte. Proposte del genere non sono arrivate". 

  • 02 mar

    Sanchez vede Scholz a Roma, focus sull'Ucraina

    "Ho appena incontrato a Roma il cancelliere tedesco Olaf Scholz per parlare della guerra in Ucraina e trovare nuovi modi per continuare a sostenere i nostri alleati di fronte all'aggressione russa. Il conflitto entra in una fase delicata. Dobbiamo dimostrare il nostro impegno e la nostra determinazione. Sono in gioco la sicurezza e la libertà degli europei". Lo scrive su X il premier spagnolo Pedro Sanchez, a Roma per intervenire al congresso del Pse.

  • 02 mar

    Kiev: uccisi 960 soldati russi nelle ultime 24 ore

    Le forze di difesa ucraine rivendicano di aver ucciso, nelle ultime 24 ore, 960 militari russi, portando le perdite totali delle forze d'invasione russe - secondo le cifre fornite unilateralmente da Kiev - a 415.640 dall'inizio della guerra. Lo riportano i media ucraini, fra cui Ukrinform.

  • 02 mar

    Ucraina, droni russi su Odessa: un morto e sette feriti

    Almeno una persona è morta e altre sette sono rimaste ferite in un attacco di droni russi che ha colpito questa notte la città ucraina meridionale di Odessa. Lo rendono noto le autorità locali, citate dai media di Kiev.

  • 02 mar

    Media: la Corea Nord ferma l'invio di armi alla Russia via mare

    La Corea del Nord potrebbe aver bloccato la spedizione di munizioni via mare alla Russia, secondo il giornale sudcoreano Nk News. L'operazione sarebbe stata sospesa a causa dell'interruzione della produzione in Corea del Nord o di altri problemi logistici. Nelle ultime settimane nei porti russi non sono apparse navi cariche di munizioni. Finora le quattro navi Angara, Maia-1, Maria e Lady R hanno trasportato munizioni in Russia completando almeno 32 viaggi. L'ultima visita della Maia-1 al porto nordcoreano di Rason è avvenuta il 12 febbraio.

  • 02 mar

    Droni russi attaccano Kharkiv, esplosioni

    La città ucraina di Kharkiv è stata attaccata da droni russi del tipo Shahed, che hanno provocato diverse esplosioni. Secondo i dati di Kiev, a Kharkiv più di 20mila edifici sono stati distrutti dal 24 febbraio 2022.

  • 02 mar

    Il Pentagono valuta di prelevare dalle sue scorte le armi per Kiev

    Il Pentagono sta valutando se attingere dalle sue scorte per fornire armi e munizioni all'Ucraina, dal momento che "non ha più fondi a disposizione". Lo riferiscono due funzionari americani al New York Times, sottolineando che si tratta di una misura a breve termine nell'attesa che il Congresso sblocchi la legge di Bilancio nella quale sono contenuti anche i nuovi aiuti a Kiev. Depauperare le scorte del dipartimento della Difesa senza avere i fondi per rifornirle, tuttavia, vorrebbe dire mettere a rischio la preparazione militare degli Stati Uniti. Questo è il pericolo sul quale l'amministrazione Biden sta riflettendo.

  • 02 mar

    Usa: "Sugli asset russi la decisione sovrana è dei Paesi"

    Gli Usa sono favorevoli a un utilizzo degli asset russi congelati a favore dell'Ucraina, ma "ogni nazione deve decidere per se stessa, perché è una decisione sovrana". Lo ha detto il portavoce del Consiglio per la Sicurezza nazionale John Kirby, precisando però che il presidente americano "non ha l'autorità per farlo, spetta al Congresso".

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali