Speciale Guerra Ucraina

LA GIORNATA IN TEMPO REALE

Putin: "L'Occidente perde egemonia" | Salvini a Macron: "Curati", è polemica | Calenda: "Un vicepremier che danneggia l'Italia"

Secondo fonti Ue, la Commissione ritiene che Kiev abbia soddisfatto le priorità necessarie per aprire i negoziati per l'adesione

di Redazione online
07 Giu 2024 - 21:51
LIVE
Ultimo aggiornamento: un mese fa

La guerra in Ucraina giunge al giorno 835. Il mondo occidentale "vuole mantenere un ruolo egemone, che gli sta sfuggendo". Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin in apertura del suo discorso alla sessione plenaria del Forum economico internazionale di San Pietroburgo. Il vicepremier Matteo Salvini torna ad attaccare Macron sulla questione guerra in Ucraina: "Lo ritengo ormai fuori controllo, pericoloso per sé e per gli altri. Sei pericoloso, fermati, calmati, curati. Chi parla di guerra in questo momento va isolato perché ha dei problemi o ha degli interessi politici, militari e strategici". Parole che scatenano una dura reazione politica. Calenda replica: "Salvini è un pericolo per gli interessi nazionali. Se un vicepremier chiama il presidente di un Paese alleato e partner dell'Italia criminale instabile o si dimette o si apre una crisi diplomatica che danneggia l'Italia. Il tutto mentre presiediamo il G7". 

Fotogallery - Ucraina, arrivano gli F-16: dal Belgio 30 caccia entro il 2028

1 di 16
© Ansa © Ansa © Ansa © Ansa

© Ansa

© Ansa


L'esercito ucraino ha attaccato il villaggio di Sadovoe nella regione di Kherson provocando 22 morti. Lo ha dichiarato il governatore filorusso della regione, Vladimir Saldo. "A seguito di un bombardamento da parte dei militanti di Kiev nel villaggio di Sadovoe, distretto municipale di Golopristansky, è stato distrutto un negozio in cui c'era un numero significativo di visitatori e personale", ha riferito Sadovoe su Telegram, citato dall'agenzia di stampa russa Ria Novosti. Inizialmente era stato riferito di 19 morti e 5 feriti, ma Saldo ha poi riferito che il numero dei morti è salito a 22, con 15 feriti.


La conferenza per la pace in Ucraina, che si terrà il 15 e 16 giugno in Svizzera, sarà "un vertice inaugurale (...), ma sicuramente un passo verso la fine della guerra per dimostrare che tutto il mondo è dalla parte di chi vuole la fine della guerra e di chi vuole aiutare l'Ucraina ad avvicinarsi alla pace". Lo ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, durante la conferenza stampa congiunta all'Eliseo con Emmanuel Macron. Il presidente francese ha assicurato all'opinione pubblica che non verrà solo in Svizzera, ma anche in Ucraina: "Credo che il vertice organizzato in Svizzera sia un passo importante verso la costruzione di una pace duratura".


Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha promesso all'omologo ucraino, Volodymyr Zelensky, che la Francia "sosterrà l'Ucraina in tutti gli ambiti, sia a livello europeo, sia alla Nato", ed ha precisato di voler lanciare negoziati di adesioni dell'Ucraina all'Unione europea "entro la fine del mese".


"L'Ucraina può contare sull'aiuto della Francia per tutto il tempo che sarà necessario". Lo ha detto il presidente francese Emmanuel Macron, aprendo la conferenza stampa all'Eliseo al fianco del presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Il capo dell'Eliseo ha detto anche che la Francia "non è in guerra con la Russia" ed è in grado "di mantenere il controllo dell'escalation".


Nel suo discorso in Normandia, Joe Biden ha paragonato Vladimir Putin ad Adolf Hitler, sottolineando che i veterani americani della Seconda Guerra Mondiale avrebbero voluto che gli Stati Uniti fermassero l'aggressione del leader del Cremlino. "Grazie al coraggio dei soldati sbarcati in Normandia la guerra è cambiata. Si sono opposti all'aggressione di Hitler. C'è qualcuno che dubita che loro avrebbero voluto che l'America si opponesse a Putin oggi in Europa?", ha affermato il presidente americano.


La fornitura di missili agli avversari dei Paesi occidentali da parte della Russia non è imminente. Lo ha detto il presidente Vladimir Putin. "Non sarà domani", ha affermato, riservando tuttavia a Mosca il diritto di compiere la mossa come risposta ai bombardamenti di Kiev contro il territorio russo con armi fornite dall'Occidente.


"Se un vicepremier chiama il presidente di un Paese alleato e partner dell'Italia criminale instabile o si dimette o si apre una crisi diplomatica che danneggia l'Italia. Il tutto mentre presiediamo il G7. Salvini è un pericolo per gli interessi nazionali, Meloni intervenga". Lo afferma il leader di Azione, Carlo Calenda.


Vladimir Putin ha detto di supporre che non si arriverà mai all'utilizzo di armi nucleari. "Io parto dal presupposto che il mondo non arriverà mai a questo punto", ha affermato il presidente russo intervistato al Forum economico internazionale di San Pietroburgo.


"Macron lo ritengo ormai fuori controllo, pericoloso per sé e per gli altri. Sei pericoloso, fermati, calmati, curati...". Così il leader della Lega Matteo Salvini a Telelombardia. "Chi parla di guerra in questo momento va isolato perche' ha dei problemi o ha degli interessi politici, militari e strategici - ha aggiunto Salvini -. il voto di domani e dopodomani è anche un 'sì o no' alla guerra".


Il cittadino francese Laurent Vinatier, consulente di una Ong Svizzera, arrestato giovedì in Russia, è stato incriminato con l'accusa di aver raccolto informazioni militari riservate sull'attività russa. Secondo quanto riporta la Tass, si è dichiarato colpevole. Il tribunale - viene spiegato - sta valutando ora relativamente all'eventuale misura preventiva della detenzione.


E' salito a 4 morti e 43 feriti, fra i quali 4 bambini, il bilancio del crollo di una palazzina di cinque piani a Lugansk colpita oggi da un bombardamento missilistico delle forze ucraine. Lo riferiscono le autorita' filorusse locali citate dalla Tass.


La missione del task group Samp/T "Scutum", fino ad oggi impiegata nella base aerea di Ali al Salem, in Kuwait, è terminata ed il sistema di difesa farà rientro in Italia. Lo si apprende da una nota del Comando Operativo di Vertice Interforze. "Prossimamente - si legge - il personale e il sistema d'arma rientreranno in Italia". Il sistema di difesa sarà sottoposto alle operazioni di manutenzione in vista di un probabile impiego per il G7. Non e' escluso che successivamente sarà inviato a Kiev.


Il mondo occidentale "vuole mantenere un ruolo egemone, che gli sta sfuggendo". Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin in apertura del suo discorso alla sessione plenaria del Forum economico internazionale di San Pietroburgo.


La Commissione ritiene che l'Ucraina abbia soddisfatto tutte e 4 le priorità necessarie per aprire i negoziati di adesione così come la Moldavia (3, in questo caso). Lo ha confermato la portavoce della Commissione europea per l'allargamento, Ana Pisonero.


Tre persone sono rimaste uccise nel crollo di una palazzina residenziale a Lugansk, nell'est dell'Ucraina, colpita da un attacco missilistico delle forze di Kiev. Lo riferisce il ministero delle Emergenze russe, citato dalla Tass. Le autorità filorusse locali affermano che nel bombardamento sono stati impiegati sei missili Atacms di fabbricazione americana.  


"Putin fa propaganda elettorale: noi siamo per il rispetto dell'indipendenza dell'Ucraina ma non manderemo soldati in Ucraina e non manderemo armi in territorio russo. Quella di Macron non è la posizione dell'Italia, noi non dobbiamo seguire nessuno: bisogna evitare l'escalation. Noi non siamo in guerra con la Russia. Ci sono campagne elettorali e Putin cerca di dividere l'Europa che è unita nella sostanza". Lo ha detto il vicepremier e ministro degli Esteri, Antonio Tajani, su La7.


Emmanuel Macron "dichiara che la Francia è pronta a partecipare direttamente al conflitto militare in Ucraina". Lo ha detto il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, aggiungendo che le dichiarazioni del presidente francese sono "molto molto provocatorie, aggravano l'escalation nel Continente e non portano a niente di positivo".


"L'Europa non è più un continente di pace, quello che succede oggi all'Ucraina potrebbe capitare domani ad altri Paesi". Lo ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, davanti ai deputati francesi. Zelensky ha ringraziato la Francia "di essere al nostro fianco per difendere la vita".


"Oggi, purtroppo, l'Europa non è più un continente di pace", ha affermato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky all'Assemblea nazionale, poco dopo aver elogiato il coraggio degli europei nella lotta contro il nazismo durante la Seconda guerra mondiale. "L'Europa non gli basta più", ha aggiunto Zelensky, riferendosi al presidente russo Vladimir Putin. "Questa battaglia per l'Ucraina e per l'Europa ha lo stesso significato di quelle vinte dalle passate generazioni di europei", ha dichiarato il capo dello Stato ucraino, sottolineando l'attuale esistenza di un "nemico comune" in tutti gli europei. "Putin è l'anti-Europa", ha insistito il presidente ucraino.

© Ansa

© Ansa


Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, è giunto a Parigi dopo aver partecipato ieri alle commemorazioni del D-Day in Normandia. Zelensky è arrivato nel cortile degli Invalides per una cerimonia militare al fianco del ministro della Difesa francese, Se'bastien Lecornu. In giornata, Zelensky è atteso davanti al Parlamento francese dove pronuncerà un discorso. A fine giornata parteciperà a una conferenza stampa congiunta con il presidente francese, Emmanuel Macron, dopo la firma di due trattati fra Parigi e Kiev.


La notte scorsa i sistemi di difesa aerea russi hanno distrutto 28 droni ucraini sulla penisola di Crimea (11), sul Mar d'Azov (8), sul territorio di Krasnodar (6), e nelle regioni di Belgorod (2) e Rostov (1). Lo ha riferito il ministero della Difesa russo: "La notte scorsa sono stati fermati i tentativi del regime di Kiev di effettuare attacchi terroristici utilizzando veicoli aerei senza pilota di tipo aeronautico contro obiettivi nel territorio della Federazione Russa".


Le forze russe hanno lanciato un attacco missilistico contro l'Ucraina nella notte, prendendo di mira principalmente le regioni occidentali del Paese. Lo riporta il "Kyiv Independent", precisando che l'aeronautica militare ucraina ha fatto scattare un'allerta aerea nelle regioni di Ternopil, Khmelnytskyi e Lviv, nonché nella regione della capitale Kiev. La minaccia è costituita dai missili balistici e da crociera russi, dai bombardieri Tu-95MS e dai droni di tipo Shahed. A seguito dell'attacco, è scoppiato un incendio in un impianto industriale nell'oblast di Kiev.


A Kiev e in 12 regioni sono state introdotte interruzioni di corrente di emergenza a causa del superamento dei limiti di consumo. Lo rende noto l'azienda elettrica ucraina Ukrenergo su Telegram. I blackout sono in vigore a Kiev, Volyn, Donetsk, Zhytomyr, Zakarpattia, Zaporizhzhia, Leopoli, Mykolaiv, Kirovohrad, Odessa, Rivne e Kharkiv. Ukrenergo ha anche avvertito di possibili interruzioni nella fornitura di energia elettrica alle infrastrutture critiche. Venerdì e dalla prossima settima ci saranno interruzioni di corrente per tutta la giornata, in tutto il Paese, in seguito ai danni provocati dai bombardamenti russi.


Gli Stati Uniti si apprestano a inviare un nuovo pacchetto di aiuti all'Ucraina da 225 milioni di dollari. Lo riportano i media americani citando fonti dell'amministrazione, secondo le quali il pacchetto includerà munizioni per gli Himars.

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri