FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

TEMPO REALE

Severodonetsk, filorussi ai militari Azot: deponete le armi | Sindaco Mariupol: allarme colera, 10mila a rischio vita

Proseguono intanto gli scontri nel sud-est del Paese: bombardato l'impianto chimico Azot a Severodonetsk, dove sono rifugiati circa 800 civili


Putin all'evento su Pietro il Grande: "Restituiremo alla Russia ciò che è suo"

Il presidente Vladimir Putin ha partecipato a un evento sul 350esimo anniversario dalla nascita di Pietro il Grande paragonandosi allo zar e facendo un parallelo sulle loro due imprese storiche. "Spetta anche a noi - ha detto, citato dal Guardian - restituire alla Russia ciò che è suo e rafforzare il Paese. Se partiamo dal fatto che questi valori fondamentali costituiscono la base della nostra esistenza, riusciremo sicuramente a risolvere i compiti che abbiamo di fronte". 

Leggi Tutto Leggi Meno

La guerra in Ucraina entra nel suo 107esimo giorno.

Il vice capo dell'intelligence militare ucraina Vadym Skibitsky ha dichiarato che l'Ucraina sta perdendo contro la Russia in prima linea e che ora dipende quasi esclusivamente dalle armi provenienti dall'Occidente per tenere a bada la Russia. La

Russia

"non cadrà nella stessa trappola dell'Urss, la sua economia resterà aperta, ha detto Vladimir

Putin

, aggiungendo che la sfida che oggi ha di fronte il Paese è "tornare e rafforzarsi". Per il ministro dell'Interno ucraino al momento "

non c'è alcun rischio

che

Kiev

venga attaccata".
  • 10 giu

    Ministero Esteri convoca ambasciatore russo dopo dichiarazioni Putin

    Il ministero degli Affari esteri dell'Estonia ha convocato l'ambasciatore della Federazione Russa a Tallin, Vladimir Lipaev, per condannare le recenti dichiarazioni del presidente russo Vladimir Putin, il quale ha giustificato l'invasione dell'Ucraina da parte di Mosca dicendo che il suo paese sta cercando di riconquistare i suoi "territori originari".

  • 10 giu

    Gb, Johnson "sconvolto" dalle condanne a morte dei britannici

    Il primo ministro britannico Boris Johnson si è detto "sconvolto" dalle condanne a morte di due britannici da parte dei separatisti filorussi in Ucraina. Downing Street sta lavorando con Kiev per ottenerne il rilascio. I britannici Aiden Aslin e Shaun Pinner, insieme con il marocchino Brahim Saadoun, sono stati fatti prigionieri in Ucraina dove stavano combattendo per Kiev e sono stati condannati a morte dalla magistratura delle autoritàseparatiste di Donetsk.

  • 10 giu

    Lavrov: "Aperti al dialogo, ma il tango si balla in due" - VIDEO

  • 10 giu

    Chi sono i tre mercenari condannati - VIDEO

  • 10 giu

    Eliseo: "Non umiliare la Russia? Noi vogliamo che Kiev vinca"

    La Francia auspica che l'Ucraina "vinca" la guerra contro la Russia, ha ribadito una fonte dell'Eliseo rispondendo ad alcuni giornalisti che chiedevano chiarimenti sull'appello del presidente Emmanuel Macron a "non umiliare la Russia". "Come il presidente ha avuto occasione di dire - ha precisato la fonte della presidenza - auspichiamo la vittoria dell'Ucraina. Auspichiamo che venga ripristinata l'integrità territoriale del Paese e che questa guerra della Russia all'Ucraina cessi al più presto". 

  • 10 giu

    Francia pronta a sbloccare il porto di Odessa

    La Francia si è detta "pronta a partecipare a un'operazione per sbloccare il porto di Odessa". Lo riferiscono fonti dell'Eliseo.

  • 10 giu

    Ucraina, sindaco Mariupol: allarme infezioni, 10mila a rischio vita

    A Mariupol "la situazione epidemica sta peggiorando ogni giorno. La dissenteria, il colera e altre pericolose malattie infettive potrebbero uccidere circa 10.000 residenti entro la fine dell'anno. Questoè' ciò che dicono i nostro i medici". Lo ha detto il sindaco ucraino di Mariupol, Vadym Boychenko. Lo riporta Ukrainska Pravda.

  • 10 giu

    Ucraina, filorussi ai militari Azot: deponete le armi e arrendetevi

    I circa 800 tra militari e civili rifugiati nello stabilimento chimico Azot, a Severodonetsk, hanno cercato contatti per avviare negoziati. Lo riferisce l'agenzia russa Ria Novosti, citando un rappresentante dei separatisti del Lugansk. "Ai militanti ucraini nascosti nello stabilimento Azot, è stato spiegato che devono deporre le armi e arrendersi, non si accettano altre condizioni", ha detto l'esponente filorusso.

  • 10 giu

    Crisi del grano, Zelensky: "Espellete Mosca dalla Fao"

  • 10 giu

    Mercenari britannici condannati a morte, Gb: "Molto preoccupati, al lavoro per il rilascio"

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali