FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Thailandia, la riserva naturale di Khao Yai spedisce i rifiuti a casa dei turisti che sporcano 

Ai visitatori irrispettosi vengono recapitati gli oggetti gettati via e pericolosi per gli animali: il ministro allʼAmbiente posta le foto su Facebook

Un pacco con dentro spazzatura e un biglietto con la scritta: "Hai dimenticato questo". In Thailandia i turisti incivili che hanno gettato dei rifiuti durante la visita al parco Khao Yai - famoso per le sue cascate e i paesaggi suggestivi - rischiano di trovarsi questa sorpresa davanti alla porta di casa. La direzione dell'area naturale ha deciso di spedire loro a domicilio i rifiuti lasciati nella riserva. 

"Ti torna indietro" - L'iniziativa ha ricevuto anche il sostegno del ministro dell'Ambiente thailandese Varawut Silpa-archa, che ha postato le foto di scatoloni pronti per la spedizione, con la scritta: "La spazzatura ti tornerà indietro". La situazione nel parco più antico dello Stato asiatico si era fatta insostenibile - con seri rischi per gli animali - e così si è deciso di registrare gli indirizzi dei visitatori all'ingresso. Oltre che un gesto incivile, gettare rifiuti in una riserva naturale in Thailandia è un reato punibile con la galera fino a 5 anni. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali