FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Strage di Mormoni in Messico: il gesto eroico di Devin che a soli 16 anni si fa 23 km a piedi nel deserto per salvare i fratellini

Sopravvissuto allʼagguato, ha avuto la lucidità di nascondere i fratellini dietro un cespuglio, coprendoli con rami e foglie, e incamminarsi per dare lʼallarme. 

 famiglia lebaron mormoni messico strage

Ventitré chilometri possono valere una vita intera. Devin Langford a soli 13 anni li ha percorsi tutto d'un fiato attraverso il deserto per chiedere aiuto. Il ragazzino è sopravvissuto all'attacco contro un gruppo di mormoni statunitensi da parte di una gang del cartello della droga messicano in cui a morire sono stati sei bambini e tre donne. La storia del piccolo grande Devin sta commuovendo gli Stati Uniti. 

Dopo l'omicidio della madre e di due fratelli, Devin ha coperto i bambini sopravvissuti tra cespugli e rami e poi ha camminato per sei ore fino alla base della comunità a La Mora. 

La madre di Devin, Dawna Ray Lanford, stava guidando una delle tre auto finite nel mirino del commando che ha ucciso le tre donne al volante e sei bambini, bruciandoli vivi. Tra loro, i fratelli di Devin: Trevor, 11 anni, e Rogan, 2 anni. Durante i terribili attimi in cui le auto sono state inondate di proiettili, Devin si è buttato sulla sorellina di 7 mesi, Faith Marie Johnson, per proteggerla. Sopravvissuto all'agguato, ha avuto la lucidità di nascondere i fratellini dietro un cespuglio, coprendoli con rami e foglie, e incamminarsi per dare l'allarme. 

 

Cinque dei sei bambini sono stati recuperati dalla polizia e trasferiti in un ospedale dell'Arizona. Una sesta, la sorellina di 9 anni di Devin, che si era allontanata per chiedere aiuto, è stata ritrovata sana e salva alcune ore dopo. Secondo il ministro messicano della Sicurezza, Alfonso Durazo, la famiglia di mormoni - appartenente alla comunità della Colonia LeBaron - sarebbe stata presa di mira per uno scambio di persone, finendo in mezzo a una guerra tra bande. Da anni, però, la comunità aveva avviato una guerra al narcotraffico, denunciandone violenza e illegalità. Per questo motivo avevano chiesto e ottenuto la protezione di una novantina di poliziotti. Le misure di sicurezza, su decisione del governo, erano state allentate nelle ultime settimane. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali