FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Sparatoria in una scuola in Russia: 9 morti | Il killer: "Odio tutti e sono Dio"

Nell'istituto sono intervenute le forze speciali. Molti alunni sono fuggiti buttandosi dalle finestre del terzo piano. Arrestato l'assalitore: è un ragazzo di 19 anni, ex studente dello stesso istituto

Un giovane di 19 anni aperto il fuoco in una scuola in Russia provocando la morte di nove persone. Il ragazzo, un ex studente della stessa scuola, è stato poi arrestato dalle forze speciali intervenute subito dopo la sparatoria. E' accaduto a  Kazan, città della Russia centrale, nello Stato del Tatarstan. Il 19enne aveva "un'arma ufficialmente registrata a suo nome". Sembra che nella scuola ci sia stata anche un'esplosione e si contano molti feriti.

La mattina stessa dell'attacco il giovane avrebbe detto su Telegram: "Io odio tutti e sono dio". Alla luce dei fatti il presidente russo Vladimir Putin, oltre a esprimere "profonde condoglianze" per le vittime, ha chiesto di rivedere le norme sul tipo di armi che possono essere usate dai civili. 

 

A riferire il bilancio finale delle vittime è stato il governatore del Tatarstan, Rustam Minnikhanov. Ventuno i feriti ricoverati in ospedale: 18 di loro sono bambini e sei sono in terapia intensiva.  

 

 

Il video del killer e l'interrogatorio - L'autore della strage alla scuola è apparso sui media russi un video in cui  racconta perché abbia deciso di aprire il fuoco nel suo ex istituto. Il giovane, identificato come Ilnaz Galyaviev, dice di aver "sempre odiato tutti" ma che, nel corso della scorsa estate, "un mostro ha iniziato a prendere corpo dentro di me". "Due mesi fa mi sono reso conto di essere Dio, nessuno me lo ha detto, me ne sono reso conto da solo", dice il giovane alterato mentre risponde alle domande degli investigatori. Lo riporta l'emittente Dozhd.
 

 

Il video del killer e l'interrogatorio - L'autore della strage alla scuola è apparso sui media russi un video in cui  racconta perché abbia deciso di aprire il fuoco nel suo ex istituto. Il giovane, identificato come Ilnaz Galyaviev, dice di aver "sempre odiato tutti" ma che, nel corso della scorsa estate, "un mostro ha iniziato a prendere corpo dentro di me". "Due mesi fa mi sono reso conto di essere Dio, nessuno me lo ha detto, me ne sono reso conto da solo", dice il giovane alterato mentre risponde alle domande degli investigatori. Lo riporta l'emittente Dozhd.

 

 

Strage in una scuola in Kazan: studenti si lanciano dal terzo piano per salvarsi

 

Mentre l'attacco era in corso, secondo testimoni alcuni studenti si sono buttati dalle finestre per sfuggire alla raffica di proiettili e l'agenzia Ria Novasti, citando servizi di emergenza, riferisce che due dei ragazzi sono morti così. Gli studenti sono stati evacuati negli asili vicini, dove sono poi stati recuperati dalle famiglie.  Il 12 maggio sarà giornata di lutto in tutto lo Stato. 

 

 

Sulla vicenda è stata aperta un'indagine penale, ma non viene citata l'ipotesi terrorismo. Il Tatarstan, Repubblica della Federazione russa a meno di mille chilometri ad est di Mosca, è il punto più settentrionale al mondo in cui si incontrano cristianesimo e islam e in passato ci sono state tensione legate all'islamismo radicale, ma la situazione è stata sostanzialmente pacificata negli ultimi vent'anni. 

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali