FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Scontro navale tra Russia e Ucraina, tutti arrestati i 24 marinai ucraini

Kiev ha inviato al ministero degli Esteri russo una nota di protesta contro "il perseguimento di iniziative illegali"

Scontro navale tra Russia e Ucraina, tutti arrestati i 24 marinai ucraini

I tribunali di Kerch e Simferopoli, in Crimea, hanno disposto l'arresto dei 24 marinai ucraini coinvolti nello speronamento tra due navi, una russa e una ucraina, avvenuto il 25 novembre. I marinai, tra cui anche tre rimasti feriti, resteranno in regime di custodia cautelare fino al 25 gennaio. L'Ucraina ha inviato al ministero degli Esteri russo una nota di protesta contro "il perseguimento di iniziative illegali".

"Abbiamo ribadito categoricamente ai russi di rilasciare immediatamente i cittadini ucraini catturati e assicurare il loro ritorno in patria in sicurezza", recita la nota diffusa dal ministero degli Esteri ucraino.

Il motivo dello scontro - La tensione tra i due Paesi è tornata a salire domenica dopo che tre navi di Kiev hanno forzato, senza riuscirvi, il posto di blocco stanziato da Mosca nello stretto di Kerch che si affaccia nel mar d'Azov. Area che è stata requisita dalla Russia dopo il referendum in Crimea. 

Ucraina approva la legge marziale - Pochi giorni dopo la Rada, il Parlamento ucraino, ha approvato la legge marziale firmata dal presidente Poroshenko per trenta giorni. Il decreto ha sospeso le leggi dello Stato e ha dato ai tribunali militari pieno controllo dell'amministrazione della giustizia.

Crimea, lʼultimo scontro tra Mosca e Kiev

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali