FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Salman Rushdie, Hadi Matar: "L'ho aggredito perché ha attaccato l'Islam"

L'aggressore dello scrittore ha concesso dal carcere un'intervista esclusiva al "New York Post"

 Hadi Matar
Ansa

"Ha attaccato l'Islam, non è una brava persona".

Lo ha detto

Hadi Matar

, l'aggressore di

Salman Rushdie

in un'intervista esclusiva del "New York Post" dal carcere. "Non mi piace quell'uomo - ha ripreso -, ha attaccato le credenze degli islamici, il loro sistema di valori". Matar, che ha negato di avere contatti con i pasdaran iraniani, ha poi aggiunto di "rispettare l'ayatollah Khomeini, credo sia una grande persona".

 




 


Il 24enne del New Jersey che venerdì 12 agosto ha aggredito con un coltello lo scrittore Salman Rushdie a New York, ha dichiarato dal carcere della contea di Chautauqua, dove si trova attualmente, di essere rimasto "sorpreso dal fatto che sia sopravvissuto". Nel corso dell'intervista Matar non ha voluto chiarire se abbia compiuto il gesto a causa della fatwa per "blasfemia" emessa nel 1989 dall'ayatollah Ruhollah Khomeini nei confronti dello scrittore, che l'anno prima aveva pubblicato il libro "I versi satanici".


 


Matar ha poi affermato di aver letto "solo qualche pagina" del libro di Rushdie, negando qualsiasi contatto con le Guardie della rivoluzione islamica dell'Iran (i cosiddetti pasdaran). 


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali