FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Russia, proteste contro la detenzione di Navalny: migliaia di arresti, fermata e poi rilasciata la moglie del dissidente

Le manifestazioni sono cominciate sulla costa orientale della Russia, compresa la città di Vladivostok

La polizia russa ha arrestato in oltre 35 città della Russia migliaia di attivisti che partecipavano alle proteste per chiedere la liberazione dell'oppositore Aleksej Navalny. Le manifestazioni sono cominciate sulla costa orientale, compresa la città di Vladivostok. Navalny, 44 anni, è stato arrestato il 17 gennaio al suo ritorno dalla Germania, dove era stato ricoverato in seguito a un tentativo di avvelenamento. Fermata e poi rilasciata anche la moglie Yulia.

A Mosca le autorità hanno introdotto misure di sicurezza senza precedenti nel centro della città, chiudendo diverse stazioni della metropolitana vicino al Cremlino, deviando il traffico degli autobus e ordinando la chiusura di ristoranti e negozi.

 

 

Lo staff di Navalny aveva chiesto che a Mosca la protesta si tenesse in piazza Lubjanka, sede del quartier generale del Servizio di sicurezza nazionale, che secondo lo stesso Navalny è il responsabile del suo avvelenamento.

 

L'avvertimento del Cremlino - Nelle scorse ore Il ministero dell'Interno russo aveva lanciato un severo avvertimento al pubblico di non partecipare alle proteste, dicendo che i partecipanti potrebbero essere accusati di aver preso parte a disordini di massa, che secondo il codice penale comportano una pena detentiva fino a otto anni. Chi pratica la violenza contro la polizia potrebbe rischiare fino a 15 anni.

 

Russia, proteste contro l'arresto di Navalny: centinaia di arresti

 

Fermata e poi rilasciata la moglie di Navalny La polizia russa ha fermato la moglie di Aleksey Navalny, Yulia Navalnaya, mentre andava assieme a un gruppo di manifestanti verso il carcere di Matrosskaya Tishina di Mosca, dove è rinchiuso l'oppositore. Lo riporta la tv Dozhd. In serata la donna è stata rilasciata: secondo Interfax, i funzionari di polizia hanno compilato nei riguardi di Yulia un verbale amministrativo sulla "partecipazione a una protesta non autorizzata che ha implicato disturbi per passanti e trasporti".

 

Usa condanna la Russia Intanto gli Stati Uniti di Joe Biden, attraverso le parole del segretario di Stato Antony Blinken, condannano "le tattiche brutali" delle autorità russe contro i manifestanti di opposizione.

 

Mosca accusa gli Usa di interferenze  Immediata la risposta di Mosca che ha accusato gli Usa di "grossolane interferenze" nei suoi affari interni. "Le grossolane interferenze degli Usa negli affari interni della Russia sono un fatto dimostrato così come la promozione di fake news e di appelli ad azioni non autorizzate su piattaforme internet controllate da Washington", ha detto infatti il ministero degli Esteri russo in una nota ripresa dall'agenzia Interfax.

 

Ue condanna la repressione in Russia Anche l'Ue è intervenuta per condannare gli arresti dei manifestanti. "Anche oggi condanno gli arresti di massa e l'uso sproporzionato della forza contro manifestanti e giornalisti in Russia. Le persone devono poter esercitare il loro diritto di manifestare senza timore di repressione. La Russia deve rispettare i suoi impegni internazionali", è quanto afferma infatti in una nota l'Alto Rappresentante Ue Josep Borrell.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali