FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Rapimento di Silvia Romano, riprende il processo in Kenya: si cerca un quarto uomo

Le autorità giudiziarie locali hanno accorpato i procedimenti a carico di 3 indagati: Ibrahim Adan, Abdullah Gababa Wario e Moses Luwali Chembe. Eʼ caccia al "regista del sequestro"

Rapimento di Silvia Romano, riprende il processo in Kenya: si cerca un quarto uomo

Riparte il processo-bis per il rapimento di Silvia Romano, la cooperante italiana prelevata da un gruppo di uomini armati a Chakama, non lontano da Malindi, il 20 novembre 2018. Le autorità giudiziarie kenyote hanno accorpato i procedimenti a carico di 3 indagati: Ibrahim Adan, Abdullah Gababa Wario e Moses Luwali Chembe. Intanto gli inquirenti sono alla ricerca di un quarto uomo, Said Ibrahim, considerato il "regista dell'agguato".

Come riportato da Repubblica, le autorità giudiziarie kenyote avevano fissato a martedì l'avvio del procedimento contro il 35enne insegnante di religione di origini somale Ibrahim Adan Omar, accusato di essere uno degli organizzatori del sequestro e trovato in possesso di un'arma impiegata nell'azione.

Il giallo sulla cauzione pagata da un indagato - Ma la giudice Julie Oseko ha deciso di spostare a mercoledì l'udienza, in modo da farla coincidere con quella già fissata dell'altro processo, avviato il 30 luglio, a carico di Abdullah Gababa Wario e Moses Luwali Chembe. I due hanno già confessato il loro ruolo nel rapimento, ma la loro posizione presenta aspetti poco comprensibili. In particolare non è facile spiegare il fatto che Moses Luwali Chembe sia riuscito a tornare in libertà pagando una cauzione di tre milioni di scellini, circa 25mila euro, una cifra consistente per gli standard kenyoti: il salario medio in Kenya si aggira sui mille euro l'anno.

Si cerca un quarto uomo - Secondo quanto riportato dal portale MalindiKenya.net, i testimoni da ascoltare sarebbero in tutto 17. Come riporta il sito Africa ExPress, le autorità kenyote sono alla ricerca del "quarto uomo", Said Ibrahim, che nelle ricostruzioni dell'accusa è considerato "il regista" dell' agguato, anche se non l' ideatore. Ad aver concepito il sequestro sarebbe stata invece un'altra persona, per ora non identificata, con "protezioni in alto loco".

L'indagine e i lati oscuri del sequestro - A fine luglio gli inquirenti locali avevano portato i due indiziati direttamente nel villaggio di Chakama, dove risiedeva l'italiana, per ricostruire la dinamica del rapimento: Abdullah Gababa Wario e Moses Luwali Chembe avrebbero ammesso le loro responsabilità, aggiungendo che la giovane era sicuramente in vita a Natale, quando la banda l'ha consegnata un altro gruppo armato. Molti i punti oscuri da chiarire, a partire dal trasporto dell'ostaggio in Somalia. Inoltre sembra tramontata l'ipotesi di un collegamento dei sequestratori con organizzazioni terroristiche. L' inchiesta, intanto, va avanti: a dare nuovo slancio è stato l' incontro di Roma fra il procuratore del Kenya Noordin Haji, il Comandante dei Ros e rappresentanti della sicurezza italiana e keniota.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali