FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Quattordicenne stuprata e uccisa in Germania, lʼiracheno ha confessato

Il giovane, che era un amico della ragazza, ha raccontato che hanno litigato. Lʼha uccisa quando lei ha minacciato di chiamare la polizia

Ali Bashar, l'iracheno di 20 anni accusato di avere strangolato una 14enne tedesca a Wiesbaden dopo averla stuprata, ha confessato il delitto. Il giovane è stato arrestato venerdì nel nord dell'Iraq dopo la fuga dalla Germania. Il caso ha sconvolto l'opinione pubblica tedesca e ha rilanciato le polemiche sui migranti: il presunto omicida infatti aveva fatto richiesta di asilo politico in Germania.

Ali Bashar, ha riferito il capo della polizia della provincia di Dohuk, nel Kurdistan iracheno Tariq Ahmad, "durante l'interrogatorio seguito al suo arresto, ha confessato di aver ucciso la ragazza tedesca, Susanna Maria Feldman. Il giovane ha raccontato che era un amico della ragazza, che hanno litigato e che lui l'ha uccisa quando lei ha minacciato di chiamare la polizia".

Fonti dell'amministrazione autonoma del Kurdistan iracheno hanno fatto sapere che si sta lavorando per far tornare Bashar in Germania, ma la cosa è delicata perché non c'è un vero accordo di estradizione tra Iraq e Berlino.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali