FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Quattordicenne stuprata e uccisa in Germania, preso iracheno in fuga

Il giovane, secondo gli investigatori, era scappato nel suo Paese natale assieme alla famiglia per evitare il fermo dopo il delitto

Quattordicenne stuprata e uccisa in Germania, preso iracheno in fuga

Il 20enne iracheno Ali Bashar, sospettato dello stupro e dell'omicidio di una 14enne in Germania, è stato arrestato nella notte nel nord dell'Iraq. Il giovane, secondo gli investigatori, era fuggito nel suo Paese natale assieme alla famiglia per evitare l'arresto dopo il delitto. A dare l'annuncio dell'arresto è stato il ministro dell'Interno tedesco, Horst Seehofer, il quale ha espresso il proprio plauso alla polizia tedesca e a quella curda.

Ali Bashar è accusato di aver violentato la ragazza e di averla poi strangolata per nascondere il delitto. Successivamente ne ha occultato il cadavere, in una fossa ricoperta con rami ed erbacce.

Il giovane, che aveva dei precedenti, si era visto negare la richiesta di asilo nel 2016, ma il suo avvocato l'aveva impugnata. Giovedì scorso, insieme a tutta la famiglia - padre madre e 6 figli - era scappato in Iraq grazie ad un lasciapassare dell'ambasciata del suo Paese.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali