FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Parigi nega l'estradizione di dieci ex terroristi in Italia

Tra gli altri anche l'ex militante di Lotta Continua Giorgio Pietrostefani, condannato in Italia come uno dei mandanti dell'omicidio del commissario Calabresi

La Chambre de l'Instruction della Corte d'appello di Parigi ha deciso di negare l'estradizione richiesta dall'Italia per i dieci ex terroristi rossi arrestati nell'ambito dell'operazione "Ombre rosse" nell'aprile 2021.

Tra gli altri anche l'

ex militante di Lotta Continua Giorgio Pietrostefani

, condannato in Italia come uno dei mandanti dell'omicidio del commissario Calabresi. La decisione potrebbe essere impugnata dalla procura generale francese.

 



 


Il presidente della Corte d'Appello di Parigi ha spiegato che la decisione è basata sugli articoli 8 e 6 della Convenzione europea dei diritti dell'uomo che garantiscono il rispetto della vita privata e familiare e del giudizio di contumacia.


 


I dieci ex terroristi -

Oltre a Pietrostefani, gli altri ex terroristi per cui era stata chiesta l'estradizione sono: Enzo Calvitti, Narciso Manenti, Giovanni Alimonti, Roberta Cappelli, Marina Petrella, Sergio Tornaghi, Maurizio Di Marzio, Raffaele Venturo e Luigi Bergamin.


 


Brigate Rosse, gli ex terroristi arrestati in Francia


 


In aula rappresentanti leghisti gridano: "Assassini" -

 Alla lettura della sentenza un gruppo di italiani, guidato dal deputato della Lega Daniele Belotti, ha gridato: "Assassini!". Del gruppo, che aveva srotolato uno striscione di protesta davanti al palazzo di Giustizia prima dell'udienza, fanno parte anche il sindaco di Telgate, in provincia di Bergamo, comune di origine di uno degli ex terroristi, Narciso Manenti, e il presidente e vicepresidente dell'associazione carabinieri di Bergamo intitolata a Giuseppe Gurrieri, l'appuntato ucciso nel 1979 da Manenti davanti al figlio di 11 anni.


 


Legale Pietrostefani: "Non è un pacco postale" -

"La Francia ha deciso 25 anni fa che l'avrebbe accolto e le persone non sono pacchi postali che possono essere rispediti indietro. E' una decisione ragionevole presa per la tutela delle persone e del radicamento familiare ed esprimo soddisfazione, anche perché ho sempre pensato che lui sia innocente". Lo ha spiegato l'avvocato Alessandro Gamberini, legale italiano dell'ex militante di Lotta Continua Giorgio Pietrostefani.


 


Legale Bergamin: "Giudici francesi indipendenti" -

 "E' la decisione che ci aspettavamo, anche se temevamo non fosse così, mi sembra di capire che la magistratura francese si sia dimostrata indipendente dal potere politico". E' il commento dell'avvocato Giovanni Ceola, legale italiano dell'ex terrorista Luigi Bergamin, condannato per concorso morale negli omicidi commessi da Cesare Battisti del maresciallo Antonio Santoro e dell'agente Andrea Campagna (pena prescritta nel 2008), avvenuti nel '78 e '79. 


 


Pg Milano: "Valuto possibilità ricorso su ex terroristi" -

"Posso valutare nei prossimi giorni l'esistenza nell'ordinamento francese di una impugnazione del tipo di quella prevista dall'art.706 cpp, ovvero il ricorso per Cassazione, nel caso di estradizioni per l'estero". Lo ha detto il procuratore generale di Milano, Francesca Nanni, riferendosi in particolare a Giorgio Pietrostefani e Sergio Tornaghi.


 


Cartabia: "Aspetto motivazioni, pagina dolorosa" -

"Rispetto le decisioni della magistratura francese, che agisce in piena indipendenza. Aspetto di conoscere le motivazioni di una sentenza che nega indistintamente tutte le estradizioni. Si tratta di una sentenza a lungo attesa dalle vittime e dall'intero Paese, che riguarda una pagina drammatica e tuttora dolorosa della nostra storia". Così la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, commentando la sentenza.


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali