FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Nuova strage di migranti nel Mar Egeo: anche 11 bambini tra le vittime

Almeno 35 morti in due diversi naufragi. Intanto il premier turco Davutoglu e la cancelliera Merkel auspicano il coinvolgimento della Nato per far fronte alla crisi dei rifugiati

Nuova strage di migranti nel Mar Egeo: anche 11 bambini tra le vittime

Almeno 35 persone sono morte all'alba nei naufragi di due barconi di migranti nel mar Egeo. Ventiquattro i corpi ritrovati nella baia turca di Edremit, a poca distanza dall'isola greca di Lesbo. Di questi, 11 sono bambini. In un'altra tragedia al largo della Turchia ci sono 11 morti. Inoltre altre 12 persone risultano disperse e le operazioni di soccorso proseguono.

Nuova strage di migranti nel Mar Egeo: anche 11 bambini tra le vittime

Incontro ad Ankara tra il premier turco Davutoglu e la cancelliera Merkel, che auspicano il coinvolgimento della Nato per far fronte alla crisi dei rifugiati.

leggi tutto

Entrambe le imbarcazioni erano dirette all'isola greca di Lesbo.

Merkel ad Ankara per discutere su crisi migranti: "Coinvolgere la Nato"- La cancelliera Angela Merkel ha incontrato le autorità turche per discutere della crisi dei migranti. Al termine dell'incontro, il premier turco Ahmet Davutoglu ha reso noto che Turchia e Germania lavoreranno insieme per cercare di coinvolgere la Nato nel frenare il flusso di rifugiati.

Il coinvolgimento della Nato dovrebbe consistere anzitutto nell'utilizzo delle capacità di controllo e osservazione dell'Alleanza al confine tra Turchia e Siria e nel mar Egeo.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali