FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Naufragio di migranti in Siria, sale a 81 il numero dei morti: si cercano i dispersi

Più di cento persone siriane, libanesi e palestinesi a bordo dell'imbarcazione, tra le vittime soprattutto donne e bambini. I sopravvissuti la chiamano “la barca della morte”

 spagna, isole Sisargas, salvataggio, naufragio, barca a vela
Salvamento Marítimo

Sale a 81 il conto dei morti, soprattutto donne e bambini, per il naufragio delle ultime ore al largo della città di Tartus, in Siria, poco lontano dal confine libanese.

Lo riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, secondo cui il numero dei dispersi è ancora alto e quello delle vittime aumenta di ora in ora. A bordo dell’imbarcazione, una tra le tante in fuga dal Libano, c’erano più di cento persone, forse addirittura centocinquanta.

Migranti, numeri di telefono scritti sulle t-shirt: "Se annego avvisate la mia famiglia"

Numeri di telefono scritti a penna sulla t-shirt indossata durante il viaggio della speranza verso l'Europa, solcando il Mediterraneo. Numeri "ripetuti e scritti ovunque". E' così che viaggiava un migrante in fuga dalla Libia, preso a bordo dalla nave di soccorso Sea-Eye 4, dopo che era stato salvato dall'equipaggio del veliero Nadir della ong Reqship. L'uomo era rimasto in balia delle onde con altri 88 compagni di viaggio per tre giorni senza cibo e senza acqua. "La più grande paura di questo sopravvissuto - scrive l'associazione sui suoi canali social pubblicando la foto della t-shirt appesa ad asciugare - è di annegare e che nessuno informi la sua famiglia. Quindi durante il viaggio ha indossato la maglietta con i contatti dei suoi cari da avvisare nel caso qualcuno avesse trovato il suo cadavere". Intanto, 600 migranti hanno lasciato l'hotspot di contrada Imbriacola, a Lampedusa, a bordo della nave Diciotti della Guardia costiera. Verranno trasferiti a Porto Empedocle. A piccoli gruppi, scortati dalla polizia, - priorità viene data a donne, famiglie, minorenni e soggetti deboli, - vengono portati su dei pulmini e raggiungono Cala Pisana dove è ancorata la nave Diciotti. Per la precisione, il comandante della unità ritiene opportuno far visitare dal personale medico i 599 in partenza per evitare casi Covid. Un migrante non è stato imbarcato perché ha la tosse e non è escluso che qualche altro, non in perfetto stato di salute, possa venire non accettato a bordo della nave della Guardia costiera. Su disposizione della prefettura di Agrigento che opera d'intesa con il Viminale, trasferiti altri 80 migranti che con il traghetto di linea Cossydra hanno raggiunto sempre Porto Empedocle. Con un altro traghetto di linea, il Sansovino, sono partiti 151 minorenni non accompagnati.

Leggi Tutto Leggi Meno


La tragedia

- Sovraccariche e malridotte, sono queste le condizione delle imbarcazioni che nelle ultime settimane sono partite dalle coste libanesi e dirette in Europa. Spesso non raggiungono la destinazione a causa di naufragi o di intercettazioni da parte delle autorità libanesi. 


"Secondo alcuni sopravvissuti la barca è partita lo scorso 20 settembre dal villaggio di Minieh, trasportava

tra le 120 e le 150 persone

" ha spiegato il direttore generale dei porti siriani,

Samer Kobrosli

, interpellato dall’emittente radiofonica "Sham Fm" sul naufragio a Tartus. Numeri confermati anche dalle testimonianze dell'Osservatorio per i diritti umani in Siria, i superstiti l’hanno definita “la barca della morte”.  



Ennesimo naufragio

- Non si tratta di una tragedia isolata. È del 12 settembre scorso la notizia della morte per disidratazione di una bimba siriana di quattro anni, partita con la famiglia dal Libano alla volta dell’Europa. L’imbarcazione era stata bloccata per giorni in mezzo al mare.


Uno dei casi più eclatanti è poi quello avvenuto lo scorso aprile: il naufragio a Tripoli di una barcone con circa 84 persone a bordo, a oggi 33 persone risultano ancora disperse.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali