FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Migranti, in mille tentano lʼassalto al "muro" di Ceuta: respinti

La polizia ha bloccato il violento attacco, portato persone provenienti dallʼAfrica subsahariana, alla doppia recinzione che divide lʼenclave spagnola dal Marocco

Circa mille migranti subsahariani hanno tentato di prendere d'assalto il "muro" che separa l'enclave spagnola di Ceuta dal Marocco, ma sono stati respinti dalla polizia dei due Paesi. Lo riferisce l'agenzia Efe, precisando che i migranti erano armati di bastoni e lanciando pietre. Almeno tre agenti spagnoli e dieci marocchini sono rimasti feriti.

Il nuovo assalto al "muro" di Ceuta, una doppia recinzione in rete metallica che circonda la città spagnola, è avvenuto verso le sei del mattino.

Il primo assalto - Nella giornata di lunedì, 187 migranti provenienti dall'Africa subsahariana erano riusciti a penetrare correndo in gruppo compatto nell'enclave spagnola, sfondando il primo cordone di sicurezza al valico di frontiera di Tarajal. Un agente spagnolo era stato ferito.

Attacco violento - Secondo il comando della Guardia Civil di Ceuta l'assalto di martedì è stato più violento. I migranti impugnavano bastoni, lance artigianali, oggetti taglienti, lanciando pietre contro gli agenti. Le enclave di Ceuta e Melilla in territorio marocchino sono oggi i principali punti di ingresso terrestri di migranti irregolari in Spagna

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali