FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La Turchia "condanna" Charlie Hebdo per la copertina con Erdogan | Nel mondo islamico rivolta contro Macron: "Boicottiamo i prodotti francesi"

Ankara: "Il loro obiettivo è seminare odio e ostilità". Avviata una procedura giudiziaria. Dilagano le proteste nei confronti del presidente francese accusato di "blasfemia" per aver difeso la pubblicazione delle caricature di Maometto

"Condanniamo con la più grande fermezza l'ultima edizione della rivista francese" Charlie Hebdo, "che non ha rispetto per alcun credo, alcuna sacralità e alcun valore". Lo scrive su Twitter il portavoce del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, rappresentato nella vignetta di copertina dal settimanale satirico dopo lo scontro sulle caricature di Maometto. "L'obiettivo di queste pubblicazioni senza morale e decenza - aggiunge - è di seminare odio e ostilità". La procura generale di Ankara ha aperto una procedura giudiziaria mettendo sotto inchiesta la rivista satirica. Si è poi aggiunta la denuncia dello stesso presidente turco che ha poi dichiarato: "Non c'è nulla da dire su queste canaglie. La mia collera non è dovuta all'attacco ignobile contro la mia persona, ma agli insulti contro il profeta". 

Nella vignetta, si vede il presidente turco in panciolle sul divano, in maglietta e mutande, con una lattina in mano, mentre solleva il lungo velo di una donna musulmana con tanto di vassoio e due calici di vino. Con l'estremità delle dita Erdogan solleva l'indumento della donna fino a lasciarle il fondoschiena completamente scoperto. Quindi l'esclamazione: "Ouuuh! Il Profeta!". Un disegno firmato Alice e che si aggiunge alle già vivissime tensioni tra Ankara e Parigi.

 

Il mondo islamico con Erdogan, rivolta contro Macron - Decine di migliaia di manifestanti in Bangladesh, appelli al boicottaggio dal Qatar alla Giordania, minacce di vendetta dei talebani in Pakistan. Dal Medio Oriente all'Asia centrale, il mondo musulmano è in rivolta contro la Francia e il suo presidente Emmanuel Macron, accusato di "blasfemia" per aver difeso la pubblicazione delle caricature del profeta Maometto sulla rivista satirica Charlie Hebdo.    

 

Il portabandiera della campagna contro Parigi e l'Europa "islamofoba" resta il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Dopo il suo "appello alla nazione" a non acquistare marchi francesi e le virulente accuse sul trattamento dei musulmani nel Vecchio Continente, paragonato a quello degli ebrei alla vigilia della Shoah, il suo nuovo fronte di scontro è con l'estrema destra populista dell'olandese Geert Wilders, che in una vignetta pubblicata su Twitter l'aveva rappresentato con una bomba in testa e definito "terrorista".  Erdogan l'ha denunciato alla procura di Ankara per "offese" al capo dello Stato turco. "Quindi l'uomo che mi chiama fascista, e prima chiamava fascista e residuo del nazismo tutta l'Olanda, ora sporgerà denuncia contro di me? Il mondo alla rovescia. Perdente!", ha subito replicato il leader di opposizione olandese, incassando anche il sostegno del premier Mark Rutte in nome della "libertà d'espressione", che "comprende le caricature".    

 

Ad infiammarsi non sono però solo le piazze virtuali. Decine di migliaia di persone hanno manifestato nelle ultime ore a Dacca, capitale del Bangladesh, invocando il boicottaggio dei prodotti francesi e bruciando immagini di Macron. I dimostranti sono stati bloccati poco prima di arrivare all'ambasciata di Parigi. In Kuwait, una catena non governativa di ipermercati ha annunciato il ritiro di prodotti 'Made in France'. Casi analoghi si registrano in Qatar, alleato chiave della Turchia, dove il capofila del boicottaggio è il gruppo di supermercati Al Meera, ma anche nella più moderata Giordania, mentre l'università di Doha ha annunciato di aver rinviato indefinitamente la 'Settimana della cultura francese'. E dai Talebani in Pakistan arriva un'esplicita minaccia. Il boicottaggio, avvertono, "non è sufficiente: i blasfemi dovrebbero subire conseguenze. La comunità islamica dimostrerà la sua lealtà al Profeta".    

 

A farsi sentire è anche la diplomazia dei Paesi islamici. Dopo aver già accusato Macron di "alimentare l'estremismo", l'Iran ha convocato l'incaricato d'affari francese a Teheran per esprimere rammarico per una posizione definita "non saggia". Secondo la Repubblica islamica, "la libertà d'espressione viene usata da Parigi per fomentare l'islamofobia". Una netta condanna arriva anche dal Consiglio musulmano degli anziani, con sede ad Abu Dhabi e presieduto dal grande imam di Al-Azhar del Cairo, che ha annunciato di voler perseguire legalmente Charlie Hebdo e "chiunque offenda l'Islam"; mentre l'Alto consiglio islamico in Algeria denuncia "una rabbiosa campagna" contro Maometto "con il pretesto della libertà di espressione". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali