FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

LʼOnu: troppa violenza, i migranti soccorsi non devono tornare in Libia

Oim e Unhcr: "Non è un porto sicuro dove dovrebbero essere condotte persone raccolte in acque internazionali"

L'Onu: troppa violenza, i migranti soccorsi non devono tornare in Libia

"I 144 migranti, comprese donne incinte e bambini, che erano stati salvati domenica pomeriggio nel Mediterraneo dal cargo Lady Sham, sono stati trasferiti in un centro di detenzione in Libia". Lo scrive su Twitter il portavoce dell'Oim in Italia, Flavio di Giacomo, ricordando che molti di loro "erano in cattive condizioni fisiche" e ribadendo che "la Libia non è un porto sicuro dove dovrebbero essere portate persone salvate in acque internazionali".

Secondo l'Agenzia delle Nazioni Unite per le migrazioni, dall'inizio dell'anno al 20 gennaio, un totale di 4.883 migranti e rifugiati sono entrati in Europa via mare attraversando il Mediterraneo e 203 hanno perso la vita.

Il dato sugli arrivi è in lieve aumento rispetto ai 4.466 migranti e rifugiati giunti nello stesso periodo dell'anno scorso, mentre i morti segnalati nei primi 20 giorni del 2018 erano 201, precisa una nota dell'agenzia. In Italia sono arrivate 155 persone.

Il Missing Migrants Project dell'Oim segnala che si tratta del quarto anno consecutivo in cui almeno 200 migranti irregolari e rifugiati hanno perso la vita in mare nel corso del mese di gennaio. Nel dettaglio, dall'inizio del 2019, 155 arrivi di migranti e rifugiati sono stati segnalati in Italia, 49 a Malta, 1.166 in Grecia, 84 a Cipro e 3.429 in Spagna. La stragrande maggioranza dei decessi sono stati registrati sulla rotta del Mediterraneo centrale (142) verso Italia e Malta. Inoltre, 59 persone hanno perso la vita sulla rotta del Mediterrraeno occidentale verso la Spagna e due su quella orientale che porta a Grecia e Cipro.

Unhcr: i migranti non tornino in Libia - "Considerato l'attuale contesto, in cui prevalgono scontri violenti e diffuse violazioni dei diritti umani, i migranti e i rifugiati soccorsi non devono fare ritorno in Libia". Lo afferma in una nota l'Unhcr, sollecitando gli Stati a "intervenire con urgenza per ristabilire misure di soccorso efficaci nel Mediterraneo aumentando le operazioni di soccorso coordinate e congiunte, ristabilendo procedure di sbarco rapide in porti sicuri, e revocando le misure che impediscono di operare alle imbarcazioni delle Ong".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali