FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Iran, due attiviste Lgbt condannate a morte: Amnesty lancia l'appello per la loro liberazione

Zahra Sedighi Hamedani ed Elham Chubdar sono state mandate al patibolo dal tribunale di Urmia per aver "promosso l'omosessualità e la corruzione sulla terra"

Amnesty

Due attiviste Lgbt sono state condannate a morte in Iran per la loro attività in difesa degli omosessuali.

Si tratta di Zahra Sedighi Hamedani, 31 anni, ed Elham Chubdar, 24. Come rendono noto associazioni per i diritti umani, le due ragazze sono state processate a Urmia, capoluogo della provincia dell’Azerbaigian occidentale, nel nord-ovest del Paese, con l'accusa di promuovere l'omosessualità e il cristianesimo nel Paese. Amnesty International ha lanciato un appello per la loro liberazione e perché le loro condanne vengano annullate.

Iran, le donne hanno potuto assistere a una partita di campionato di calcio: non succedeva dal 1979

Il 25 agosto, le donne iraniane hanno potuto assistere a una partita di calcio del campionato nazionale (Esteghlal-Mes Kerman) allo stadio Azadi di Teheran. Non accadeva dalla Rivoluzione islamica del 1979. Come riporta la Bbc, sebbene non vi sia alcun divieto ufficiale per le donne di partecipare a eventi sportivi in ​​Iran, è raro che vi partecipino poiché spesso viene loro rifiutato l'ingresso. La decisione è arrivata dopo che la Fifa ha inviato una lettera alle autorità iraniane chiedendo loro di revocare il divieto alle donne di entrare negli stadi perché viola gli statuti del calcio internazionale. Giovedì, le tifose sono state collocate in una tribuna a parte e sono entrate attraverso un ingresso diverso da quello degli uomini.

Leggi Tutto Leggi Meno

La sentenza definitiva - Dopo l'indignazione per il caso della ragazza picchiata a morte per aver indossato male il velo - la sua colpa sarebbe stata quella di aver lasciato in vista qualche ciuffo di capelli -, si torna a parlare della politica illiberale in Iran. Questa volta però a emettere la condanna a morte è stato lo stesso regime degli ayatollah attraverso i suoi organi istituzionali.

 

La storia di Hamedani - Tornando alla recente vicenda di Hamedani, Amnesty ricorda che il "27 ottobre 2021 le guardie rivoluzionarie l'hanno arrestata al confine con la Turchia". La donna stava infatti tentando di superare la frontiera iraniana per cercare protezione internazionale.

 

Dopo la cattura, Hamedani è stata sottoposta a regime di sparizione forzata per 53 giorni, per essere poi tenuta in isolamento in un centro di detenzione a Urmia. "Durante questo periodo, un agente delle guardie rivoluzionarie - riporta ancora Amnesty - l'ha sottoposta a intensi interrogatori accompagnati da violenza verbale e insulti diretti alla sua identità e al suo aspetto, oltre a minacciarla di morte o di farle del male in altro modo e di toglierle la custodia dei suoi due bambini piccoli". 

 

I capi d'accusa - Secondo il tribunale di Urmia le due giovani sono colpevoli di avere "diffuso corruzione sulla terra". Il 16 gennaio 2022 Hamadani è stata processata davanti all'investigatore capo della Sezione 6 dell’Ufficio del procuratore pubblico rivoluzionario di Urmia. In questa sede è stata accusata di "promuovere l'omosessualità e il cristianesimo" e di svolgere "comunicazione contro la repubblica islamica attraverso i social media". L'accusa si riferisce all'attivismo della donna sui social e a una sua apparizione in un documentario della Bbc.

 

La legge islamica - Secondo l'applicazione che gli ayatollah fanno della Sharia, la legge sacra dell'Islam, le relazioni tra persone dello stesso sesso sono punibili con la fustigazione e la morte. L'appello di Amnesty per la liberazione delle due attiviste ha registrato 1.700 firme. L'ong prevede di superare presto le duemila.

TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali