FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Giappone, Shinzo Abe si dimette da premier per motivi di salute

Ora si pensa al successore: a guidare la lista il 63enne Shigeru Ishiba, precedente sfidante di Abe alla guida del partito liberal-democratico, e il ministro della Difesa Taro Kono

Il premier giapponese Shinzo Abe ha annunciato le dimissioni da primo ministro per motivi di salute. Il premier è affetto da una rettocolite ulcerosa che lo aveva già costretto alle dimissioni nel 2005-2006, e da alcuni giorni era tornato in ospedale per controlli medici.

"Il mio attuale stato di salute, a seguito dei recenti controlli, non mi consente di concentrarmi sulle questioni più importanti che riguardano il governo - ha detto il premier nel corso di una conferenza stampa trasmessa in diretta dalle reti nipponiche - ed è il motivo per cui intendo farmi da parte".

 

Sulla scia delle indiscrezioni delle imminenti dimissioni nel Paese è iniziata la caccia al successore del capo dell'esecutivo. A guidare la lista il 63enne Shigeru Ishiba, già ministro della Difesa e precedente sfidante di Abe alla guida del partito liberal-democratico.

 

Tra i favoriti anche l'attuale ministro della Difesa Taro Kono, che ha ricoperto anche il ruolo di ministro degli Esteri nel precedente consiglio dei ministri di Abe. Non si escludono anche l'attuale capo della commissione di vigilanza del partito conservatore, Fumio Kishida, il 71enne capo di Gabinetto Yoshihide Suga e il ministro delle Finanze Taro Aso, che ha già servito come capo del governo per un breve periodo alla fine del 2008.

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali