FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Gb, ennesimo no per i genitori del 12enne in coma: il giudice nega il trasferimento di Archie in un hospice

In teoria, la coppia può tentare ancora la strada dell'istanza di un ulteriore appello su questo specifico punto

Archie Battersbee
Dal Web

L'Alta Corte di Londra ha appena respinto anche l'ultima istanza avanzata dai genitori di Archie Battersbee, il 12enne inglese in coma da mesi al London Royal Hospital dopo essere stato trovato privo di conoscenza in casa il 7 aprile scorso, di per ottenere almeno il trasferimento del bambino in un hospice vicino a casa in Essex, e concedergli - nelle parole della madre Hollie - una "morte più degna e pacifica".

Lo riportano i media inglesi, i quali aggiungono che l'iter per il distacco del 12enne dalle macchine è atteso nelle prossime ore.

 


Il giudice incaricato di pronunciarsi sul trasferimento in un hospice ha accolto il parere ancora una volta contrario dei sanitari, stando ai quali qualunque trasbordo - anche breve - avrebbe comportato "rischi significativi" di un decesso fuori controllo di Archie, dato le sue condizioni "non stabili", e non sarebbe stato "nel suo miglior interesse". In teoria, comunque i genitori possono tentare ancora la strada dell'istanza di un ulteriore appello su questo specifico punto.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali