FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, l'Oms dichiara l'emergenza globale: i morti salgono a 213

Gli esperti non sono però ancora in grado di stimare la portata dellʼepidemia, quindi "bisogna essere pronti a tutto". Intanto si aggrava il bilancio: 43 decessi in un solo giorno

 coronavirus virus cina controlli aeroporti aeroporto aereo

L'Organizzazione mondiale della Sanità ha dichiarato l'epidemia del coronavirus cinese un'emergenza sanitaria pubblica su scala internazionale. E' quanto ha reso noto il direttore generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus, aggiungendo che la Cina "ha preso straordinarie misure per fare fronte all'emergenza, ha isolato il virus e ha condiviso i dati con tutti". Intanto si aggrava il bilancio: 213 morti in Cina, 43 dei quali in un solo giorno.

Per le autorità, però, non è possibile immaginare la portata dell'emergenza e quindi "bisogna essere preparati ad affrontarla". Intanto sono duemila i nuovi contagi per un totale di oltre novemila in 18 diversi Paesi.

 

"Emergenza per aiutare i Paesi più deboli" Nel dichiarare l'emergenza, Ghebreyesus ha tenuto a precisare: "Benché i casi fuori dalla Cina siano ancora relativamente pochi dobbiamo agire insieme per limitare un'ulteriore diffusione. Non sappiamo quali danni questo tipo di virus potrebbe causare in Paesi con una debole sanità pubblica. Dobbiamo aiutarli. Questa dichiarazione non è nessun caso un voto di sfiducia per la Cina".

 

Nessuna limitazione a viaggi e commercio L'Oms "non raccomanda di limitare i viaggi, il commercio e il movimento (della popolazione) e si oppone persino a qualsiasi restrizione di viaggio". L'organizzazione raccomanda invece a tutti i Paesi di applicare misure fondate come "appoggiare Stati con sanità debole, accelerare sui vaccini, contrastare la diffusione di notizie infondate".

 

Cos'è la dichiarazione d'emergenza dell'Oms La dichiarazione di "emergenza internazionale di salute pubblica" è usata dall'Oms per "un evento straordinario che costituisce un rischio di salute pubblica per diversi Stati attraverso la diffusione internazionale di una malattia, e che potenzialmente richiede una risposta coordinata a livello internazionale". Ecco come si arriva a questa definizione, le cui procedure sono state definite nel 2005 proprio a seguito dell'epidemia di Sars.

 

I criteri La definizione, spiega il sito dell'Oms, implica una situazione che sia "seria, improvvisa, inusuale o inattesa". che abbia "implicazioni per la salute pubblica al di là dei confini dello stato affetto" e che "richieda immediata azione internazionale". La dichiarazione di per sé non è legalmente vincolante per gli Stati, ma ha lo scopo di alzare il livello di attenzione e il coordinamento internazionale. "E' una sorta di allarme globale, spiega a Nature Lawrence Gostin della Georgetown University.

 

I precedenti La prima dichiarazione di emergenza è stata fatta nel 2009 durante la pandemia di influenza "suina". Nel 2014 hanno ricevuto lo status l'epidemia di polio e quella di Ebola, nel 2016 l'epidemia di Zika e nel giugno 2019 l'epidemia di Ebola in corso in Congo, dopo la scoperta di casi in Uganda. Quest'ultima, insieme a quella di poliomelite, è l'unica emergenza ancora attiva.
 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali