FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Caso Epstein, Virginia Giuffre: "Il principe Andrea abusò di me, ora mente"

 "Vi imploro di stare dalla mia parte, di aiutarmi a combattere questa battaglia", ha detto la donna durante un programma della Bbc

Il principe Andrea di Inghilterra, Duca di York, "mente sapendo di mentire: gli abusi sessuali ci furono e i sudditi del Regno Unito non devono consentirgli di passarla liscia". E' quanto afferma l'accusatrice Virginia Roberts Giuffre sul caso di Jeffrey Epstein, il finanziere americano accusato di gravi abusi sessuali su minorenni e morto suicida in prigione ad agosto. I fatti risalgono al 2001, quando la donna aveva 17 anni.

 "Vi imploro di stare dalla mia parte, di aiutarmi a combattere questa battaglia, a non accettare che questo sia ok", afferma con fermezza l'accusatrice, rivolgendosi alla coscienza pubblica britannica. Come a voler suffragare la sua versione, Virginia richiama dettagli specifici dei presunti rendez vous. Specifici e imbarazzanti. Narra del primo contatto in un night club, dove rammenta che il principe le offrì da bere ("il mio drink fu una vodka") e che "aveva qualcosa di ben preciso in testa". "Ghislain mi aveva detto di essere gentile con lui, di fargli quello che facevo a Epstein", prosegue senza giri di parole. Usa quindi l'arma del sarcasmo per tratteggiare il momento in cui il principe l'avrebbe invitata a ballare:

 

"Era il più orribile ballerino che abbia mai visto in vita mia. Mi sudava addosso come se piovesse, mi disgustava". Un particolare che il duca di York ha usato fra i suoi alibi, sostenendo che all'epoca non poteva sudare a causa di una patologia da eccesso di adrenalina sviluppata in battaglia durante la guerra delle Falkland. Ma su cui Virginia tira dritto appellandosi a possibili testimoni, per poi sbottare: "Certa gente continua a venirsene fuori con scuse ridicole", come quella del sospetto della foto ritoccata, "ma andiamo! Io le chiamo BS (bullshit, stronzate) perché lo sono". Fino alla conclusione tagliente: "Lui sa cosa è successo, io so cosa è successo. C'è solo uno che dice la veritaà e so che sono io".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali