FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Scandalo Epstein, il principe Andrea si ritira dai suoi impegni reali su ordine della Regina Elisabetta

La sovrana britannica avrebbe deciso anche di privare il figlio dello stipendio da 249mila sterline di cui godeva

Un ennesimo scandalo, questa volta fatale. Il principe Andrea, terzogenito della Regina Elisabetta ed eterna pecora nera della sua generazione nella famiglia reale britannica, lascia la vita pubblica, travolto dalla bufera sulle frequentazioni con Jeffrey Epstein, il magnate americano sospettato di pedofilia e abusi sessuali, morto di recente suicida in carcere. Dietro l'addio, in realtà, ci sarebbe un ordine della sovrana, che avrebbe deciso anche di privare il figlio dello stipendio da 249mila sterline di cui godeva.

Il mea culpa L'annuncio è stato dato da lui stesso in un comunicato diffuso dalla corte. Formalmente il duca di York, di 59 anni, protagonista già in passato del turbolento matrimonio con la rossa Sarah Ferguson, si fa da parte temporaneamente per "il prossimo futuro". Ma in realtà si tratta di un'uscita di scena sine die da qualunque incarico ufficiale in rappresentanza della Royal Family e da tutte le attività di patrocinio di istituzioni culturali, fondazioni o progetti caritativi.

 

L'addio col consenso della Regina Un addio deciso con il consenso e "il permesso" di sua madre: segnale del fatto che anche la 93enne sovrana, irritata o quanto meno prostrata dai più recenti passi falsi di questo figlio, il secondo maschio dopo l'erede al trono Carlo, ne ha giudicato non più difendibile la posizione. Nella dichiarazione diffusa ai media, Andrea ha espresso per la prima volta esplicitamente "profonda" solidarietà verso le vittime di Epstein ammettendo di aver provocato "una grande perturbazione" in casa Windsor per i suoi legami con il defunto finanziere, chiacchieratissimo da anni.

 

"Pronto ad aiutare le indagini" Il principe Andrea si è inoltre detto pronto ad "aiutare ogni organo investigativo competente nelle indagini, se richiesto". "Continuo a rammaricarmi inequivocabilmente per la mia malaccorta frequentazione con Jeffrey Epstein, il cui suicidio ha lasciato molti interrogativi senza risposta, in particolare fra le vittime", ha scritto il duca nel mea culpa pubblico, dopo il fallimentare tentativo di autodifesa - fra mezze frasi e giustificazioni improbabili - dell'intervista concessa alla Bbc nel fine settimana.

 

principe andrea giornali britannici mondo

 

La difesa del principe Nell'intervista il principe aveva negato "categoricamente" di aver mai fatto sesso con Virginia Roberts Giuffre, la giovane donna finita nelle grinfie di Epstein non ancora maggiorenne che adesso gli rinfaccia d'aver approfittato di lei tre volte in altrettante residenze del tycoon (a Londra, a New York, su un'isola caraibica). Ma balbettando poi di "non ricordare" se l'avesse mai incontrata, sullo sfondo di un atteggiamento parso a tutti gli osservatori poco convincente, e a tratti arrogante.

 

Le "schiave del sesso" Atteggiamento denunciato come sospetto dalle stesse vittime e dai loro avvocati, fra richieste di scuse e intimazioni a collaborare con l'Fbi e gli inquirenti che continuano a indagare sul caso Epstein e sulle "schiave del sesso" da lui messe negli anni apparentemente "a disposizione" di una schiera di amici ricchi e potenti dell'establishment.

 

I nuovi dubbi Finché, a mettere definitivamente il duca di York con le spalle al muro, non sono arrivate in patria le defezioni imbarazzate di università e aziende (ultima il colosso delle telecomunicazioni Bt), costrette a rescindere qualsiasi rapporto di partnership con progetti legati al nome dell'ormai impresentabile Andrea. Oltre ai nuovi dubbi sulla veridicità dell'affermazione del principe d'aver conosciuto Epstein nel '99, smentita a quanto sembra da una lettera del suo segretario al Times datata 2011 nella quale l'incontro veniva fatto invece risalire ai "primi anni '90".

 

Troppe ombre Troppe ombre anche per la capacità di copertura della monarchia (cui proprio il leader laburista Jeremy Corbyn ha osato chiedere, rompendo ogni tabù, di fare qualche "piccolo miglioramento") agli sgoccioli di un 2019 che per la vecchia regina rischia di concludersi come un vero incubo: un altro "annus horribilis", dopo il disastroso 1992 culminato nella crisi fra Carlo e Diana.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali