FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Epstein, Sarah Ransome: "Io vittima di stupro, cercai di fuggire a nuoto dalla sua isola sfidando gli squali"

Esce allo scoperto, denunciando mesi di abusi, una delle accusatrici del finanziere suicidatosi nel carcere di New York e reclutata da una collaboratrice, nel 2006, allʼetà di 22 anni

Epstein, Sarah Ransome: "Io vittima di stupro, cercai di fuggire a nuoto dalla sua isola sfidando gli squali"

Mesi di abusi e finalmente un disperato spiraglio di libertà: Sarah Ransome, una delle accusatrici chiavi del processo per abusi contro Jeffrey Epstein, contava sulle sue capacità di nuotatrice per lasciare l'isola privata del finanziere, morto suicida in carcere a New York, nella quale era "imprigionata". La Ransome, allora 22enne, ha raccontato al Telegraph che puntava a raggiungere, da Little St James, la vicina isola di St. Thomas in un'impresa dettata dalla disperazione, che nemmeno le acque infestate da squali riuscivano ad arginare.

"Ero stata stuprata tre volte quel giorno. A quel punto uno squalo sarebbe stato il mio migliore amico. Non ci ho nemmeno pensato, volevo solo fuggire", ha raccontato la donna britannica nella sua prima intervista. 

Ransome non arrivò lontano, fu individuata grazie alle videocamere disseminate sull'isola e in pochi minuti convinta a rientrare, si legge ancora sul Telegraph. Nel 2017 la donna però denunciò Epstein e la sua confidente Ghislaine Maxwell oltre a tre presunte assistenti, affermando di essere stata vittima di traffico sessuale per sette mesi.

Accuse respinte dalla Maxwell. Il caso fu poi concluso con un patteggiamento extragiudiziale, ma Sarah Ransome ha deciso di parlare per la prima volta alla luce del suicidio di Epstein per incoraggiare altre donne a farsi avanti.

La donna ha raccontato ai media di essere stata reclutata dalla Maxwell in un night di New York. Ma di non aver mai pensato che quell'isola potesse trasformarsi un incubo: "Non avevo idea in che situazione mi sarei andata a cacciare, quando fui contattata dalla collaboratrice di Epstein ero piena di sogni e non sapevo come arrivare a realizzarli. Lei mi parlo di un ragazzo sorprendente che avrebbe potuto aiutarmi a realizzarli".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali