FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Birmania, la polizia spara al funerale di una delle 114 vittime

Nessun morto alla cerimonia, ma due persone sono state uccise nel corso di altre manifestazioni nel Paese

Ansa

Le forze di sicurezza birmane hanno aperto il fuoco sulla folla in lutto al funerale di una delle 114 persone uccise sabato, il giorno più sanguinoso fino ad oggi, nelle proteste seguite al colpo di Stato militare del primo febbraio. Lo riferiscono testimoni citati dal Guardian. Non ci sono per ora segnalazioni di vittime alla cerimonia funebre nella città di Bago, vicino a Yangon. 

"Stavamo cantando la canzone della rivoluzione - ha raccontato Aye, una donna presente alla cerimonia -. Sono arrivate le forze di sicurezza, hanno sparato e noi siamo scappati". La cerimonia funebre in corso era quella di Thae Maung Maung, uno studente di 20 anni ucciso sabato nella città di Bago, vicino alla capitale commerciale Yangon.

 

Altre due persone sono state uccise domenica nelle proteste che ci sono state in altre città birmane. 

 

Birmania, il 27 marzo è stato il "giorno della vergogna": oltre cento morti nelle proteste

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali