FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Attraversò tre volte l'Atlantico in kayak, è morto scalando il Kilimangiaro

L'ultima impresa del polacco Aleksander Doba, 74 anni, gli è stata fatale. A dare l'annuncio del decesso la famiglia su Facebook: "Se ne è andato realizzando i suoi sogni"

Attraversò tre volte l'Atlantico in kayak, è morto sul Kilimangiaro

Un esploratore polacco di 74 anni, ingegnere in pensione, è morto sul Kilimangiaro. L'ultima impresa gli è stata fatale. Nella sua vita aveva attraversato l'Atlantico per tre volte da solo in kayak. La morte di Aleksander Doba è stata annunciata su Facebook dalla famiglia, che ha precisato che il decesso è avvenuto dopo aver raggiunto la vetta più alta dell'Africa (5.891 metri), "realizzando i suoi sogni".

Poco prima della discesa dal Kilimangiaro ha perso conoscenza e non si è ripreso, nonostante gli sforzi dei soccorritori.

 

Doba aveva attraversato l'Atlantico da solo e senza assistenza in tre occasioni. La prima traversata lo aveva portato da Dakar ad Acarau, in Brasile, tra ottobre 2010 e febbraio 2011, e la seconda da Lisbona a Port Canaveral, in Florida, tra ottobre 2013 e aprile 2014.

 

Durante il suo terzo viaggio, che lo ha portato dalla costa orientale degli Stati Uniti verso la costa francese, ha viaggiato con la sola forza delle braccia per 6.680 chilometri in 111 giorni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali