FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Assalto a Capitol Hill, testimone: "Trump tentò di silurare il ministro della Giustizia"

La commissione parlamentare che indaga sui fatti del 6 gennaio 2021 arriva alla quinta udienza. Secondo un teste, il capo del Pentagono si attivò sul ruolo dell'Italia

Washington, il Congresso dopo l'assalto

Donald Trump "era così frustrato dall'inazione del ministero della Giustizia, di fronte alle sue denunce di brogli elettorali, che tentò di silurare l'attorney general ad interim Jeffrey Rosen, sostituendolo con un oscuro ma compiacente dirigente del medesimo Dipartimento".

Lo ha affermato lo stesso Rosen, uno dei testimoni chiamati a deporre nella quinta udienza pubblica della commissione parlamentare sull'

assalto a Capitol Hill del 6 gennaio 2021

, focalizzata sulle pressioni dell'ex presidente nei confronti del ministero della Giustizia per ribaltare il voto.

 



 


Il capo del Pentagono si attivò sul ruolo dell'Italia

- L'allora ministro della Difesa Christopher Miller, su richiesta del capo di gabinetto della Casa Bianca Mark Meadows, telefonò all'addetto militare Usa a Roma per indagare sulla voce secondo cui satelliti italiani (di Leonardo, ndr) avevano trasferito voti da Donald Trump a Joe Biden. Quest'altro dettaglio è stato riferito dallo stesso Miller, in una deposizione trasmessa in aula dalla commissione. La voce, rivelatasi una teoria cospirativa, è stata definita una "pura follia" dall'ex numero due del ministero della Giustizia Richard Donoghue.


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali