coprifuoco a washington

Sostenitori pro Trump assaltano il Congresso, scontri con la polizia: morta una donna, 13 arresti | Biden: "Minaccia alla democrazia senza precedenti" | Tycoon: "Voto rubato, ma andate a casa"

Sospesa la ratifica della vittoria del presidente eletto. Washington proclama il coprifuoco. Trovato un ordigno improvvisato vicino al Parlamento Usa. Proteste anche in Georgia

07 Gen 2021 - 07:46
LIVE
Ultimo aggiornamento: 4 anni fa
1 di 10
© Getty © Getty © Getty © Getty

© Getty

© Getty

Dopo ore concitate Capitol Hill è finalmente al sicuro. La struttura è stata presa d'assalto dai sostenitori di Trump durante la sessione, per ratificare la vittoria di Joe Biden come presidente Usa. Seduta che è stata immediatamente sospesa mentre i deputati e senatori tra cui Kamala Harris e Mike Pence sono stati scortati fuori. I manifestanti inizialmente avevano circondato il Congresso salendo sulle gradinate e sulle balconate per poi fare irruzione. La tensione è stata altissima e la polizia è dovuta intervenire con i lacrimogeni e aprendo il fuoco contro alcuni sostenitori armati. Nel conflitto a fuoco è morta una donna che era stata ferita gravemente. Tredici persone sono state arrestate. La protesta era stata incoraggiata da Trump, durante un suo comizio prima della seduta di ratifica. Washington ha proclamato il coprifuoco. Proteste anche in Georgia e in altre città. Il Tycoon ha  invitato i suoi a ritirarsi: "Elezioni rubate, ma andate a casa". Biden: "Minaccia alla democrazia senza precedenti".

Trump invita i suoi a collaborare con la polizia e attacca Mike Pence"Per favore, supportate la nostra polizia e le nostre forze dell'ordine. Sono davvero dalla parte del nostro Paese. State tranquilli", ha affermato via Twitter Trump prima di accusare il vice presidente di non avere coraggio: "Mike Pence non ha avuto il coraggio di fare quello che sarebbe stato necessario per proteggere il Paese e la costituzione, dando agli Stati la possibilità di ratificare correttamente i voti. Gli Usa chiedono la verità".

Pelosi chiede l'intervento della Guardia Nazionale, negato dal Pentagono Il Pentagono ha negato la richiesta delle autorità di Washington di dispiegare la Guardia Nazionale al Congresso, assediato dai fan di Donald Trump, e riportare la calma. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti. La Speaker della Camera, Nancy Pelos, aveva chiesto l'intervento della Guardia Nazionale per mettere in sicurezza il Congresso.

Trump chiama la Guardia Nazionale Alla fine è stato il presidente Trump ha ordinare il dispiegamento della Guardia Nazionale al Congresso. "Su indicazione di Donald Trump, la Guardia Nazionale" sta intervenendo. "Ribadiamo la richiesta del tycoon contro la violenza", twitta la portavoce della Casa Bianca, Kayleigh McEnany.

Il Senato verso la normalità I rivoltosi pro-Trump che erano entrati nell'aula del Senato al Campidoglio sono stati allontanati, gli agenti li hanno fatti uscire e sospinti verso la Rotonda per poi portarli fuori dall'edificio. Lo ha riferito Cnn, sottolineando che non e' chiaro quale sia la situazione alla Camera.

Sostenitori armati fanno irruzione a Capitol Hill: la polizia estrae le pistole, un ferito All'interno di Capitol Hill dopo l'irruzione dei fan di Donald Trump ci sono stati alcuni confronti violenti, e uno con armi alla mano all'ingresso della Camera. La polizia ha estratto le pistole per proteggere i parlamentari. Nello scontro a fuoco è rimasta ferita una donna. Gli agenti avevano invitato i deputati e i senatori a usare le maschere antigas, se si fosse reso necessario.

Proteste anche in Georgia, evacuato il Campidoglio Il segretario di Stato della Georgia Brad Raffensperger e il suo staff hanno evacuato i loro uffici al Campidoglio dello Stato, mentre manifestanti armati si sono radunati all'esterno. Lo ha fatto sapere un alto funzionario elettorale. Un centinaio di manifestanti, alcuni armati di fucili, si sono riuniti attorno al Campidoglio di Atlanta per protestare contro la sconfitta elettorale del presidente Donald Trump. Questi ha rivolto gran parte della sua ira su Raffensperger nelle settimane successive alla sconfitta contro il democratico Joe Biden in Georgia per circa 12.000 voti.

Ivanka Trump: "La violenza deve cessare immediatamente" "Patrioti americani, ogni violazione o mancanza rispetto delle nostre forze dell'ordine è inaccettabile. La violenza deve cessare immediatamente". Lo twitta Ivanka Trump, la figlia-consigliera di Donald Trump. 

I sostenitori di Trump assediano il Congresso: "E' lui che ha vinto"

1 di 23
© Ansa © Ansa © Ansa © Ansa

© Ansa

© Ansa

"Avremo un presidente illegittimo" - Nel suo comizio dalla Casa Bianca Trump ha ribadito di aver vinto con 75 milioni di voti, "di gran lunga più della prima volta", mentre Joe Biden ne ha avuti 80 milioni con i computer. Il presidente ha attaccato i media, "il problema più grande", e Big Tech. "Avremo un presidente illegittimo, non possiamo permetterlo”, aveva aggiunto. Trump aveva poi attaccato come "deboli" i repubblicani che al Congresso intendono certificare la vittoria di Joe Biden.

"Se Pence fa la cosa giusta vinciamo le elezioni" - "Se Mike Pence fa la cosa giusta vinciamo le elezioni": aveva poi detto premendo sul vicepresidente perché ribalti la vittoria di Joe Biden blocchi in extremis la certificazione dell'elezione di Biden da parte del Congresso.

Pence: "Non ho autorità sull'esito delle elezioni" - "La presidenza appartiene agli americani. Non ritengo che i padri fondatori volessero investire il vicepresidente con l'autorità unilaterale di decidere quali voti devono essere contati e quali no". Lo ha affermato Mike Pence in una nota sul conteggio dei voti elettorali, respingendo così l'invito di Donald Trump a capovolgere il risultato elettorale in Congresso. Il vicepresidente è stato fatto evacuare dopo l'assedio dei fan del tycoon.

"Ci hanno rubato anche i ballottaggi in Georgia" - Trump ha lanciato nuove accuse di brogli, dicendo che anche i ballottaggi in Georgia per il Senato vinti dai dem sono stati "rubati", "truccati". "Questa volta è andata un po' meglio perché avevamo più occhi per controllare le elezioni ma sono riusciti a truccarle lo stesso", aveva detto al comizio.

McConnell a Trump: "Niente brogli,non danneggiare l'America" - "Le elezioni non sono state rubate. Non ci sono stati brogli. Il Congresso non può nominarsi come il board delle elezioni: capovolgere il risultato delle elezioni significa danneggiare la repubblica per sempre". Lo ha dichiarato Mitch McConnell, il leader dei repubblicani in Senato, voltando le spalle al suo alleato degli ultimi quattro anni.


E' polemica dopo che un video diffuso sui social mostra alcuni poliziotti che rimuovano le transenne a Capitol Hill facendo entrare i sostenitori di Trump che poi hanno assaltato il Congresso. Su Twitter in molti si chiedono perché i manifestanti non siano stati fermati.


Twitter blocca l'account di Donald Trump per 12 ore. Lo comunica la società spiegando che ulteriori violazioni delle politiche di Twitter, incluse quelle sulle minacce violente, si tradurranno in una sospensione permanente dell'account.


"E' ora in vigore il coprifuoco. Tutte le persone devono allontanarsi o saranno arrestate". Dopo aver portato la sicurezza all'interno dell'edificio, la polizia ha cominciato ad allontanare la folla da Capitol Hill, a Washington, non appena sono scattate le 18 locali ed è iniziato il coprifuoco imposto dal primo cittadino dopo l'assalto alla sede del Congresso. 


Twitter, per la prima volta, ha cancellato alcuni degli ultimi cinguettii di Donald Trump, fra i quali il video registrato in cui invitava i manifestanti ad andare a casa pur continuando a denunciare brogli elettorali.


Il leader dem al Senato Chuck Schumer ha annunciato che il processo di certificazione della vittoria di Joe Biden riprenderà alle 20 (le 2 di notte in Italia).


Quello di oggi è stato "un assalto vergognoso alla nostra democrazia. Ma non ci può fermare dalla nostra responsabilità di certificare l'elezione di Joe Biden". Lo afferma la Speaker della Camera, Nancy Pelosi, indicando che la Camera tornerà a riunirsi in serata per procedere con la certificazione.


"E' così che vengono contestati i risultati delle elezioni in una repubblica delle banane": questo il duro commento dell'ex presidente americano George W. Bush all'assalto lanciato oggi a Capitol Hill dai sostenitori di Donald Trump mentre era in corso la certificazione della vittoria elettorale di Joe Biden. In una nota rilanciata dai media Usa, Bush ha aggiunto: "Sono sconvolto dal comportamento sconsiderato tenuto da alcuni leader politici a partire dalle elezioni e dalla mancanza di rispetto dimostrata oggi per le nostre istituzioni, le nostre tradizioni e le nostre forze dell'ordine". 


Mentre ancora alcuni manifestanti di Trump circolano per le strade di Washington nonostante il coprifuoco, il Sergeant-at-Arms ha annunciato alla stampa che la struttura è finalmente al sicuro.


Uno dei manifestanti pro-Trump che ha preso d'assalto il complesso di Capitol Hill è stato ricoverato in condizioni critiche dopo essere caduto da un'impalcatura dell'edificio su cui si era arrampicato: è quanto riporta la Cnn. Nel corso dei disordini una seconda manifestante e' stata gravemente ferita da un colpo d'arma da fuoco ed è deceduta in ospedale.


"Queste sono le cose e gli eventi che succedono quando una schiacciante e sacra vittoria elettorale viene strappata via senza troppe cerimonie e brutalmente dai grandi patrioti che sono stati trattati male e ingiustamente per cosi' tanto tempo. Andate a casa con amore e in pace. Ricordate questo giorno per sempre!": Lo ha scritto su Twitter il presidente americano Donald Trump.


Facebook ha rimosso il video del presidente Trump in cui continua a sostenere che le elezioni sono state rubate, mentre con fare accondiscendente chiede agli assalitori del Congresso, definite "persone speciali" di tornare a casa. Ad annunciare la decisione, il portavoce di Facebook, Andy Stone. Il vicepresidente all'integrità dell'azienda, Guy Rosen ha definito questa "una situazione di emergenza", aggiungendo che Facebook sta "adottando misure di emergenza appropriate, inclusa la rimozione del video del presidente Trump. Lo abbiamo rimosso perché a conti fatti crediamo che contribuisca a continuare le violenze piuttosto che a diminuirle".


Non ce l'ha fatta la donna che era stata ferita gravemente nello scontro a fuoco nato tra i sostenitori pro Trump e la polizia dopo l'assalto al Congresso americano. La donna era stata ricoverata d'urgenza in un ospedale di Washington, ma è morta poco dopo. Lo ha confermato la polizia non dando altri dettagli sulle circostanze.


Manifestanti pro Trump hanno dato vita a proteste minori davanti alle sedi locali dei Campidoglio di altre città americane, tra cui Atlanta, Denver, Salem (in Oregon) e Topeka (Kansas). Lo riporta la Cnn. Ad Atlanta e a Denver i fan del presidente sono alcune decine con in mano bandiere.


"Credo nella forza delle istituzioni e della democrazia Usa. La transizione pacifica del potere è al centro. Joe Biden ha vinto le elezioni. Sono ansiosa di lavorare con lui come prossimo presidente degli Stati Uniti". Così la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, ritwittando la frase di Biden: "L'America è molto meglio di quello che stiamo vedendo oggi".


"Le violenze contro le istituzioni americane sono un grave attacco contro la democrazia. Io le condanno": lo ha scritto il ministro degli Esteri francese, Jean-Yves Le Drian, in un tweet questa sera durante i disordini di Washington. "La volonta' e il voto del popolo americano devono essere rispettati", ha twittato il capo del Quai d'Orsay.


Tredici persone sono state arrestate durante le proteste al Congresso. Le autorità hanno recuperato almeno 5 armi da fuoco. Lo riportano i media americani.


"Ecco quel che il presidente ha creato oggi. Questa insurrezione". Lo ha detto "con la rabbia nella voce" il senatore repubblicano Mitt Romney al New York Times. Romney con altri parlamentari è stato scortato "al sicuro" dalla polizia del Capitol Hill.


Il vicepresidente Mike Pence, che presiedeva la seduta del Congresso per certificare la vittoria di Joe Biden, è stato fatto evacuare da Capitol Hill. Lo riferisce la Cnn.


I rivoltosi pro-Trump che erano entrati nell'aula del Senato al Campidoglio sono stati allontanati, gli agenti li hanno fatti uscire e sospinti verso la Rotonda per poi portarli fuori dall'edificio. Lo ha riferito Cnn, sottolineando che non e' chiaro quale sia la situazione alla Camera.


All'interno di Capitol Hill dopo l'irruzione dei fan di Donald Trump ci sono stati alcuni confronti violenti, e uno con armi alla mano all'ingresso della Camera. La polizia ha estratto le pistole per proteggere i parlamentari. Nello scontro a fuoco è rimasta ferita una donna. che è stata ricoverata d'urgenza in ospedale. Gli agenti avevano invitato i deputati e i senatori a usare le maschere antigas, se si fosse reso necessario.


Nel suo comizio dalla Casa Bianca Trump ha ribadito di aver vinto con 75 milioni di voti, "di gran lunga più della prima volta", mentre Joe Biden ne ha avuti 80 milioni con i computer. Il presidente ha attaccato i media, "il problema più grande", e Big Tech. "Avremo un presidente illegittimo, non possiamo permetterlo”, ha aggiunto. Trump ha poi attaccato come "deboli" i repubblicani che al Congresso intendono certificare la vittoria di Joe Biden, rivolgendosi indirettamente a Mike Pence.


"Il Congresso Usa è un tempio della democrazia. Testimoniare le scene di oggi a Washington Dc è uno shock. Confidiamo negli Stati Uniti affinché assicurino un trasferimento pacifico del potere a Joe Biden". Così il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, su Twitter.


Sotto il videomessaggio pubblicato sul suo profilo Twitter dal presidente Donald Trump per invitare i suoi sostenitori ad andare a casa è comparsa una nota in cui il social avvisa che "l'affermazione che le elezioni sono state truccate viene contestata e pertanto questo tweet non può ricevere commenti o like e non può essere ritwittato a causa di un rischio di violenze".


"Scene vergognose all'interno del Congresso degli Usa". Lo scrive Boris Johnson condannando l'irruzione dei sostenitori di Donald Trump. "Gli Stati Uniti sono un simbolo di democrazia nel mondo ed è vitale ora che ci sia un passaggio di poteri ordinato e pacifico" alla Casa Bianca, aggiunge il premier Tory.


"Seguo con grande preoccupazione quanto sta accadendo a Washington. La violenza è incompatibile con l'esercizio dei diritti politici e delle libertà democratiche. Confido nella solidità e nella forza delle Istituzioni degli Stati Uniti". Lo scrive su Twitter il premier Giuseppe Conte.


"Agli occhi del mondo, la democrazia americana questa sera appare sotto assedio. Questo è un attacco inedito alla democrazia Usa, alle sue istituzioni e allo stato di diritto. Questa non è l'America. I risultati delle elezioni del 3 novembre devono essere pienamente rispettati". Così l'Alto rappresentante dell'Ue, Josep Borrell, su Twitter. Borrell loda le parole di Joe Biden. "La forza della democrazia prevarrà sugli individui estremisti".





"Lo so che siete feriti, ci hanno rubato le lezioni. Un'elezione che abbiamo vinto a valanga e lo sanno tutti. Ma dovete andare a casa ora". Lo afferma Donald Trump in un messaggio registrato rivolto ai suoi sostenitori. "Dobbiamo avere pace, legalità e rispettare" gli agenti, aggiunge. "Non vogliamo che nessuno venga ferito. E' un periodo difficile: questa è stata un'elezione fraudolenta ma c'è bisogno di pace. Siete speciali, vedremo cosa accade".


"Minaccia alla democrazia Usa senza precedenti. Questa non è una protesta, è un'insurrezione. Le scene di caos non riflettono l'America". Lo ha affermato Joe Biden, che vede allontanarsi la ratifica della vittoria per via dell'assalto dei sostenitori di Trump durante la seduta al Congresso.


Il dem Jon Ossoff ha vinto il secondo dei due ballottaggi in Georgia, consegnando così al suo partito le chiavi del Senato dopo sette anni. E' la proiezione della Nbc e Cbs.


Joe Biden chiede a Donald Trump di andare in tv e chiedere la fine dell'assedio al Congresso. "Le parole di un presidente contano. Possono ispirare o possono incitare", aggiunge Biden.


Diversi agenti sono rimasti feriti nelle proteste al Congresso. Lo riferisce Cnn, sottolineando che almeno uno è stato trasportato in ospedale.


Un dispositivo esplosivo improvvisato è stato rinvenuto vicino al Congresso. Lo riporta Nbc, sottolineando che non è ancora chiaro dove esattamente è stato trovato.


"Scene scioccanti a Washington DC. Il risultato di queste elezioni democratiche deve essere rispettato". Così il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, su Twitter in merito all’assalto al Congresso di migliaia di sostenitori pro Trump.


Uno dei manifestanti che hanno fatto irruzione nel Congresso degli Stati Uniti è riuscito a raggiungere l'ufficio privato della speaker della Camera, Nancy Pelosi. Una foto pubblicata sul profilo Twitter di HuffPost lo mostra seduto con i piedi sulla scrivania. Alla cintola sembra avere un'arma, o un manganello. Accanto a sé ha una bandiera degli Stati Uniti.


"Patrioti americani, ogni violazione o mancanza rispetto delle nostre forze dell'ordine è inaccettabile. La violenza deve cessare immediatamente". Lo twitta Ivanka Trump, la figlia-consigliera di Donald Trump. 
 


Il segretario di Stato della Georgia Brad Raffensperger e il suo staff hanno evacuato i loro uffici al Campidoglio dello Stato, mentre manifestanti armati si sono radunati all'esterno. Lo ha fatto sapere un alto funzionario elettorale. Un centinaio di manifestanti, alcuni armati di fucili, si sono riuniti attorno al Campidoglio di Atlanta per protestare contro la sconfitta elettorale del presidente Donald Trump. Questi ha rivolto gran parte della sua ira su Raffensperger nelle settimane successive alla sconfitta contro il democratico Joe Biden in Georgia per circa 12.000 voti.


Alla fine è stato il presidente Trump ha ordinare il dispiegamento della Guardia Nazionale al Congresso. "Su indicazione di Donald Trump, la Guardia Nazionale" sta intervenendo. "Ribadiamo la richiesta del tycoon contro la violenza", twitta la portavoce della Casa Bianca, Kayleigh McEnany.


Il Pentagono ha negato la richiesta delle autorità di Washington di dispiegare la Guardia Nazionale al Congresso, assediato dai fan di Donald Trump, e riportare la calma. Lo riporta il Washington Post citando alcune fonti. La Speaker della Camera, Nancy Pelos, aveva chiesto l'intervento della Guardia Nazionale per mettere in sicurezza il Congresso.


"Per favore, supportate la nostra polizia e le nostre forze dell'ordine. Sono davvero dalla parte del nostro Paese. State tranquilli", ha affermato via Twitter Trump prima di accusare il vice presidente di non avere coraggio: "Mike Pence non ha avuto il coraggio di fare quello che sarebbe stato necessario per proteggere il Paese e la costituzione, dando agli Stati la possibilità di ratificare correttamente i voti. Gli Usa chiedono la verità".

Commenti (0)

Disclaimer
Inizia la discussione
0/300 caratteri