FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Apple denunciata da un utente russo: "Sono gay per colpa di una vostra app"

L'uomo ha ricevuto per sbaglio dei GayCoin dallo store della Mela: “Mi hanno manipolato e non posso più tornare indietro”

Un cittadino russo ha presentato una denuncia nei confronti della Apple accusando l'azienda della Mela morsicata di averlo reso omosessuale. "Non giudicare prima di aver provato": insieme a questo messaggio l'uomo, che ha deciso di restare anonimo, ha ricevuto 69 GayCoin al posto dei bitcoin che aveva acquistato tramite una app per la gestione del portafoglio virtuale su AppStore. "Dopo quel messaggio ho provato relazioni omosessuali: ora non posso più tornare indietro", ha dichiarato l'uomo, che chiede all'azienda di Steve Jobs un risarcimento per danni morali di un milione di rubli (circa 14.000 euro). 

"La Apple mi ha spinto all'omosessualità" - "Ho un ragazzo fisso e non so come spiegare tutto questo alla mia famiglia. La mia vita è cambiata in peggio - racconta l'uomo - e non tornerà mai più alla normalità. La verità è che la Apple mi ha manipolato, spingendomi all'omosessualità". La richiesta è appoggiata dall'avvocato Sapijat Gousnieva, già noto per aver attaccato nel 2016 il colosso dei fast food McDonald's: all'epoca, il legale difendeva una donna ferita alla guancia da una lisca trovata in un panino della catena americana. 
 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali