FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La storia dell’Agente 47, l’assassino videoludico per eccellenza

Come fa un clone come il protagonista di Hitman a diventare così famoso? Con dedizione, inventiva e un'inesauribile dose di professionalità

IGN

Ci sono molti videogiochi che premiano la creatività del giocatore, ma nessuno è come Hitman. Se ci limitassimo a dire che è una serie “stealth”, non renderemmo davvero giustizia: dal 2000, anno di uscita del primo capitolo (Hitman: Pagato per uccidere) a oggi, con Hitman III in rapido avvicinamento, Io-Interactive ha costruito un vero e proprio sistema di rompicapo stealth, dove l’assassinio era solo il risultato ultimo di una complessa equazione. Una componente fondamentale di tutto questo è stata, senza dubbio, il protagonista: l’Agente 47.

Potremmo quasi azzardarci a definire l’Agente 47 un “anti-Bond” ma anche, perché no, un “anti-John Wick”. Entrambe un po’ azzardate, ma entrambe calzanti per motivi diversi. Andiamo per gradi: il protagonista della serie Hitman è un clone caratterizzato da uno sguardo di ghiaccio, una testa pelatissima e un bel codice a barre stampato sul collo. L’esperimento dal quale è nato, che a tratti ricorda - spoiler? - Snake di Metal Gear Solid, aveva come obiettivo la creazione dell’assassino per definizione. E, sfortunatamente per i suoi “genitori”, è andato a buon fine: lo testimoniano, dall’oltretomba, il dottor Otto Wolfgang Ort-Meyer e gli altri quattro donatori di codice genetico.

 

A renderlo simile all’ancora più celebre Agente 007 è la flemma: una delle caratteristiche dell’assassino protagonista di Hitman è la compostezza. Raramente lo abbiamo sentito anche solo alzare la voce, e ancora più di rado lasciarsi scappare qualche imprecazione e qualche battuta (ad esempio nel libro Hitman: Enemy Within). Invece, a distanziarlo dal britannico Bond, ci pensa la sua natura di anti-eroe: l’agente 47 non è crudele – anzi, in più occasioni ha mostrato un lato umano, magari andando a confessare i propri peccati da Padre Vittorio (Hitman 2: Silent Assassin), oppure lamentandosi di chi usa i bambini come arma (Hitman: Absolution).

 

Hitman - Agente 47 - Io-Interactive
IGN

 

Per quanto riguarda invece il parallelo con John Wick, ritroviamo in lui la stessa meticolosità e la stessa straordinaria, impareggiata abilità nel portare a termine gli incarichi che, in questi anni di onorato servizio, l’Agente 47 ha sempre dimostrato. C’è però, anche qui, una differenza sostanziale tra i due: mentre Wick è un personaggio che cerca di allontanarsi dal sanguinario mondo del lavoro, il protagonista di Hitman sembra quasi non poterne fare a meno.

 

Non è trattenuto da qualche legame in particolare, né deve per necessità continuare a uccidere (il suo conto in banca, a questo punto, dovrebbe essere a dir poco gonfio); non si capisce neppure cosa sia che lo tiene ancorato lì, tra un contratto e l’altro – passione? Dipendenza? – ma fatto sta che non sembra ancora voler smettere.

 

Hitman - Agente 47 - Io-Interactive
IGN

 

La prima serie, cominciata come già detto nel 2000, conta cinque capitoli – l’ultimo dei quali è Absolution. La nuova trilogia, avviata nel 2016 con Hitman si distingue per una struttura inedita a episodi, che è stata causa del divorzio tra Io-Interactive e Square Enix.

 

Oltre a questi abbiamo avuto modo di vedere, negli anni, due spin-off (il puzzle Hitman: Go e lo sparatutto Hitman: Shooter), due libri (Enemy Within e Damnation), e ben due film: Hitman (2007) e Hitman: Agent 47, che su Rotten Tomatoes possono vantare, rispettivamente, dei solidi (si fa per dire) 16% e 8%.

 


 

Vieni su IGN Italia per altre notizie e video su questo gioco!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali