FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Contro l’impero del male con R-Type e le astronavi anni '80

Cattivo, gelido, imperscrutabile, potente: storia di un grande sparatutto

R-Type - Retrogaming

Un tempo sognavamo un futuro differente, un futuro remoto popolato di astronavi che vomitavano laser. E anche di eserciti maligni che meritavano qualsiasi raggio multicolore e smart bomb fosse possibile concepire. In Giappone, a ben vedere, di onde energetiche e navicelle impossibili ne creavano in continuazione. Il mercato dei videogiochi era ancora, in buona parte, il mercato degli sparatutto: eroi solitari, invisibili, rinchiusi in carlinghe scintillanti (idealmente), pronti a bucherellare centinaia di alieni, insettoni e robot di varia natura.

In questo ambito trova linfa vitale R-Type, uno dei maggiori successi di Irem e uno degli sparatutto più apprezzati e rispettati di ogni tempo. Un gioco che quel rispetto se lo guadagnò non tanto e non solo attraverso l’eleganza del level design o del sistema di gioco, quanto più con lo sguardo torvo dell’insegnante brutale. R-Type era ed è ancora oggi un percorso di dolore e penitenza, con il giocatore chiamato a non abbassare mai la guardia nemmeno per un istante.

 

Al di là dell’effettiva difficoltà, brutale ma poi non così sbilanciata rispetto a quanto si era abituati a vedere all’epoca, R-Type poteva comunque farsi forza su un gameplay di ottima caratura. A rapire l’attenzione era il “pod”, un’unità aggiuntiva che il giocatore poteva scegliere di collegare sul muso o sul retro della sua astronave. O anche di lasciare libera di fluttuare nei pressi dell’unità dell’eroe. A ogni modo si poteva ottenere un aumento della potenza di fuoco e uno scudo. Niente male.

 

R-Type - Retrogaming

 

Possente ed esaltante anche la possibilità di mantenere premuto il pulsante di fuoco per poter caricare un unico colpo, grande, grosso e devastante. Così facendo Irem chiedeva ai giocatori di smettere di premere furiosamente sul pulsante dedicato allo sparo, il che ai tempi equivaleva quasi a una bestemmia in chiesa. Eppure funzionava, rendendo R-Type non l’ennesimo sparatutto, ma un gioco tanto crudele quanto intelligente.

 

Dopo l’abbuffata di monetine in sala giochi e nei bar, il gioco conobbe una lunga stagione di conversioni. Alcune sorprendenti, come quella per ZX Spectrum o per Master System, altre prevedibilmente esaltanti (PC Engine). Ci fu tempo anche per una rilettura strizzata in una cartuccia per Game Boy. E anche lì blastare il maledetto impero Bydo era una goduria.

 


 

Vieni su IGN Italia per altre notizie e video su questo gioco!

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali